Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Indennità di disoccupazione Naspi: per il pagamento degli ultimi 30 giorni serve comunicazione

Stampa

Per farsi pagare gli ultimi 30 giorni di Naspi in molti casi serve di comunicare all’INPS di essere ancora disoccupati.

Premettiamo subito che non accade al 100% dei percettori di indennità di disoccupazione Naspi, ma in alcuni casi gli ultimi 30 giorni di indennità di disoccupazione  potrebbero non essere pagati in automatico dall’INPS. Molti lavoratori in Naspi, infatti, hanno la spiacevole sorpresa di non vedersi erogare l’ultima mensilità (alcuni, non ricordando la data di scadenza della prestazione, poi, neanche si accorgono del mancato accredito pensando che il beneficio sia scaduto).

Ultimi 30 giorni Naspi

Non si tratta di una regola vera e propria, ma ad un gran numero di lavoratori l’indennità di disoccupazione si blocca in corrispondenza dell’ultima mensilità. Si tratta di una procedura vecchia che prevedeva il blocco dell’erogazione dell’indennità sugli ultimi 30 giorni per permettere al disoccupato che non lo avesse fatto prima, di comunicare all’istituto eventuali giornate di lavoro effettuate nel periodo coperto dall’indennità. L’INPS, in questo modo può stornare gli eventuali giorni lavorati proprio dall’ultima mensilità spettante per fare in modo di non dover procedere, a Naspi scaduta, al recupero di somme erogate e non dovute.

Una vecchia procedura, quindi, che però in molti casi viene ancora applicata: e proprio per questo motivo diversi lavoratori si vedono bloccare l’indennità spettante prima che sia effettivamente conclusa.

Come procedere al recupero delle somme relative all’ultima mensilità di Naspi? E’ necessario inviare all’INPS il modello Naspi-Com; l’INPS provvederà a sbloccare il pagamento spettante entro 60 giorni dalla ricezione della comunicazione.

Naspi e ultimi 30 giorni

Per non perdere neanche un giorno di indennità spettante, quindi,  è bene mettere da parte il prospetto di liquidazione che l’INPS invia all’accettazione della domanda e segnarsi l’ultimo mese spettante. A ridosso dell’ultimo pagamento inviare all’INPS il modello NASPI-COM per comunicare eventuali periodi lavorati e chiedere, di fatto, lo sblocco del pagamento dell’ultima mensilità.

Come procedere? E’ necessario procedere, se si è in possesso di PIN INPS o di SPID, ad accedere al sito dell’istituto nella sezione dedicata alle prestazioni a sostegno del reddito e scegliere la “NASPI”. Nella sezione dedicata alla Naspi, poi, è necessario cliccare su “Comunicazione Naspi-Com”.

All’interno della schermata che si apre è necessario spuntare “Eventi che influiscono sul pagamento della prestazione” e sul tipo di evento da comunicare scegliere “Altro”.

Nell’inserimento delle informazioni integrative alla comunicazione, poi, bisognerà scrivere una sorta di breve dichiarazione in cui si afferma di essere ancora disoccupati e che si richiede il pagamento degli ultimi 30 giorni di indennità spettante.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 150€! Entro il 22/04…