Incontro organizzazioni sindacali-MAECI, informativa su graduatorie esaurite e stato delle nomine. Anief: “Diversi problemi riscontrati”

WhatsApp
Telegram

Si è svolto l’incontro con il MAECI, con all’ordine del giorno l’informativa sullo stato delle nomine e le graduatorie esaurite.

Informativa

La dirigente dell’ufficio V, ad inizio di seduta, ha informato le OO.SS che per il corrente anno erano vacanti e quindi disponibili per la destinazione all’estero 80 posti.

Ad oggi sono state fatte e accettate dagli aventi diritto 68 assegnazioni di sede, di queste 68 assegnazioni già 46 docenti hanno assunto servizio all’estero, per i rimanenti 22 posti gli aventi diritto attendono il perfezionamento del decreto.

Le nomine sui lettorati vanno molto a rilento a causa dell’arrivo di diverse sentenze di reinserimento in graduatoria.

Risultano esaurite una serie di graduatorie, che elencheremo di seguito, l’amministrazione ha fatto sapere che intende bandire le nuove prove di selezione per la formulazione delle graduatorie esaurite entro la fine del corrente anno.

La graduatoria codice SCI 002 t. si è esaurita prima che si completassero le nomine su tutti i posti vacanti, l’amministrazione procederà a coprire i posti rimasti vacanti, prevalentemente a Stoccarda, attraverso nomine annuali ex articolo 24, attingendo dalla corrispondente graduatoria SEU.

La consigliera Setta, continuando l’informativa, ha informato le OO.SS, che ci sono state 40 rinunce, e ha concluso il suo intervento dicendo che provvederà ad inviare alle OO.SS, l’elenco delle graduatorie esaurite e la posizione dell’ultimo nominato per ogni graduatoria.

La posizione di Anief

Il responsabile nazionale per il personale scolastico all’estero di Anief, professore Salvatore Fina, ha espresso il suo apprezzamento per il fatto che l’ufficio ha velocizzato le procedure di destinazione all’estero, infatti rispetto agli anni trascorsi la percentuale di posti già coperti quest’anno in questo periodo, rispetto allo stesso periodo degli altri anni è aumentata.

Resta il problema delle graduatorie che si esauriscono dopo pochi mesi o dopo uno/due anni al massimo.

Anief, dopo aver chiesto che vengano formulate anche le graduatorie di sostegno per le SEU, ha ribadito che la partecipazione alle prove di selezione si è notevolmente ridotta, sia perché il momento che stiamo vivendo spinge molte persone a non rischiare di allontanarsi dal proprio Paese, ma soprattutto perché in molte sedi è venuto a mancare l’incentivo economico. Infatti in molte sedi l’assegno di sede risulta inadeguato a incentivare i docenti ad accettare la nomina. E’ fondamentale, secondo Anief che vengano aumentati i coefficienti di sede equiparandoli a quelli del personale MAECI. Inoltre sarebbe utile ai fini di una maggiore partecipazione alle prove, in attesa di potere riportare tutto alla contrattazione, ridurre da 15 a 10 il punteggio minimo per accedere alle prove di selezione.

Continuando il suo intervento, il responsabile Estero di Anief, ha chiesto all’amministrazione chiarezza e trasparenza riguardo la valutazione o la non valutazione dei periodi di aspettativa, in particolare l’aspettativa per dottorato, ai fini del calcolo dei 6 anni di servizio effettivo da svolgere tra un mandato e l’altro in territorio metropolitano.

Anief ha inoltre ribadito che l’intera materia deve essere restituita alla contrattazione collettiva e auspica che questo avvenga finalmente con il rinnovo del CCNL scuola e la firma di una specifica sequenza contrattuale per l’estero.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur