Incontro al MIUR sull’utilizzo di una parte dei fondi per la formazione del personale ex Legge 440/1997

di Giulia Boffa
ipsef

CGIL – Nel corso di un incontro tenutosi ieri, 16 dicembre 2013 al MIUR, Il Direttore generale per gli ordinamenti ha illustrato il testo di un Decreto di destinazione di un milione di euro. Il suddetto milione viene ripartito fra le Direzioni regionali in quattro diverse tranches afferenti ad un Piano nazionale Lauree scientifiche, ad un Progetto problem posing & solving, ad una Progettazione e valutazione per competenze negli Istituti tecnici e professionali, ad un Progetto esami di stato sulla prima e la seconda prova.

CGIL – Nel corso di un incontro tenutosi ieri, 16 dicembre 2013 al MIUR, Il Direttore generale per gli ordinamenti ha illustrato il testo di un Decreto di destinazione di un milione di euro. Il suddetto milione viene ripartito fra le Direzioni regionali in quattro diverse tranches afferenti ad un Piano nazionale Lauree scientifiche, ad un Progetto problem posing & solving, ad una Progettazione e valutazione per competenze negli Istituti tecnici e professionali, ad un Progetto esami di stato sulla prima e la seconda prova.

Al di là del contenuto del Decreto che pure intercetta alcuni bisogni formativi del personale, l’incontro di ieri ha evidenziato come il rapporto su tali questioni fra MIUR e Sindacati Scuola sia caratterizzato da gravi carenze oltre che  da una frammentarietà che rischia di renderlo inefficace. Infatti, da un lato, sulle stesse materie ora saranno trasferite alle scuole le risorse del D.L.104/2013 riguardanti l’orientamento degli studenti delle secondarie (art 8), la formazione del personale (art 16), l’arricchimento dell’offerta formativa-scuole aperte (art. 7); dall’altro lato l’articolo 5 del CCNL prevede corrette e puntuali informazioni su tutto il complesso delle risorse che vengono, a vario titolo erogate alle scuole e implicano ricadute sulla formazione del personale e sull’organizzazione del lavoro.

Inoltre, nel luglio scorso, è stata siglata l’ipotesi di Contratto Integrativo Nazionale relativo alla formazione del personale docente e Ata che avrebbe dovuto, finalmente, ripristinare corrette relazioni sindacali in questo ambito molto importante e delicato. Il CIN entra nel merito di tutti i finanziamenti finalizzati alla formazione del personale del comparto scuola, comprese le risorse della L 440/97.

Profili del tutto disattesi da parte dell’Amministrazione alla quale per questa ragione è stato chiesto di provvedere in tempo rapidi ad una informativa completa, che sia davvero preventiva e che possa poi avere, nella fase successiva, un riscontro di quanto e come utilizzato delle risorse attribuite. Pertanto, come evidenziato in una nota a verbale sottoscritta unitariamente dalle OOSS in occasione della sigla del CIN, si chiede l’apertura immediata di un tavolo politico su tutta la partita delle risorse per la formazione.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione