Incontro al MIUR sugli organici

di redazione
ipsef

Pubblichiamo i resoconti di CISL, UIL e GILDA sull’incontro avvenuto giorno 11 relativo agli organici. Nulla di nuovo a quanto pare per i soprannumerari

Pubblichiamo i resoconti di CISL, UIL e GILDA sull’incontro avvenuto giorno 11 relativo agli organici. Nulla di nuovo a quanto pare per i soprannumerari

CISL. Gestione organici, ancora un incontro "vuoto" al MIUR

Ancora una volta inconcludente, per l’assenza di un’attendibile base documentale, l’incontro svoltosi al MIUR ieri, 11 maggio, che aveva per oggetto il monitoraggio su formazione delle classi e attribuzione degli organici alle scuole, con particolare riguardo ai fenomeni di soprannumerarietà, prevedibilmente consistenti.

E’ un’eventualità, quest’ultima, che la stessa Amministrazione sembra confermare, in particolare per la scuola primaria, anche se ancora non sono disponibili i dati ufficiali risultanti in chiusura dei termini (8 maggio) di acquisizione delle disponibilità e delle domande di mobilità.

Si è quindi trattato di un incontro piuttosto breve, nel quale la CISL Scuola ha ribadito, insieme alle altre Organizzazioni Sindacali, la richiesta di una dettagliata documentazione su tutte le operazioni di gestione degli organici, specie per una verifica del livello di soddisfacimento delle richieste di "tempo scuola" avanzate dalle famiglie all’atto delle iscrizioni.

Si stanno moltiplicando, infatti, le segnalazioni di difficoltà ad assicurare non solo l’attivazione delle classi a tempo pieno richieste, ma in molti casi anche dello stesso orario a 30 h, su cui l’Amministrazione – nel corso dell’informativa – si era detta convinta di poter offrire la necessaria copertura di organico.

E’ del tutto evidente, come dalla CISL Scuola più volte denunciato, che il nuovo intervento di riduzione, sommandosi a quello pesantissimo dello scorso anno, accentua lo stato di disagio prodotto da una manovra che si rivela sempre più insostenibile per la scuola, aggravando le condizioni di lavoro e mettendo a rischio la possibilità di assicurare al Paese i necessari livelli di efficacia e di qualità del sistema d’istruzione.

__

UIL. Verifica situazione soprannumero

Tante preoccupazioni degli insegnanti per il soprannumero. Dal Ministero continui rinvii come se il problema non esistesse. Si rivela ancor di più giusta la scelta della UIL di non sottoscrivere il contratto sulla mobilità

Il giorno 11 maggio 2010 si è svolto il programmato incontro tra l’amministrazione e le organizzazioni sindacali sulla verifica delle situazioni di soprannumerarietà del personale docente per l’anno scolastico 2010/11. Per la UIL scuola ha partecipato Pasquale Proietti.
L’amministrazione si è presentata all’incontro senza nessun dato rispetto agli esuberi e senza una proposta concreta.
L’amministrazione si è limitata a comunicare che nei prossimi giorni verrà inviata alle organizzazioni sindacali la bozza del decreto sugli organici del personale educativo e che la prossima settimana verranno aperte le funzioni degli organici del personale docente di scuola secondaria di secondo grado, finalizzate alla gestione della mobilità d’ufficio.
La UIL, a fronte di una carenza sia dei dati che di una proposta, ha ribadito la validità della scelta di non sottoscrivere il contratto sulla mobilità che, a nostro avviso, non tutela il personale interessato.
Restano valide le proposte della UIL che prevedevano l’attribuzione della precedenza nella mobilità per tutti coloro che perdono la titolarità e interventi finalizzati a favorire il mantenimento della titolarità nella propria scuola per i perdenti posto.

__

GILDA. Verifica soprannumerarietà docenti: incontro al MIUR

Nella giornata di ieri, martedì 11 maggio, si è svolto un incontro interlocutorio, in quanto sono ancora indisponibili i dati relativi al soprannumero dei docenti, perfino quelli relativi alla scuola primaria, la cui funzione si è chiusa da appena qualche giorno. Solo orientativamente si sa che nella primaria l’esubero sarà maggiore di quello attuale, soprattutto per il ridotto numero di pensionati (circa 6 mila) a fronte di circa 9 mila tagli. Comunque in molte realtà regionali la scuola primaria è stata assoggettata ad un numero maggiore di tagli previsti dalle tabelle da allegare all’emanando decreto interministeriale ed alla CM 37/10 per non falcidiare ulteriormente le superiori già gravemente penalizzate dalla riforma e dalle riduzioni orarie che interessano le classi intermedie dell’istruzione tecnica e le seconde e terze dell’istruzione professionale.

La Dott.ssa Palermo, che ha presieduto l’ incontro, oltre al dato revisionale sull’esubero della primaria, si è impegnata a farci pervenire nella giornata odierna i dati analitici relativi al suddetto esubero, onde consentire alle OO.SS. di concordare con l’ Amministrazione la gestione dello stesso mediante un’ eventuale sequenza contrattuale, oppure in sede di CCNI concernente le utilizzazioni e assegnazioni provvisorie. Si è impegnata, altresì, a fornirci sempre in giornata i dati aggiornati relativi alle domande di pensionamento, per un esame dell’ esubero e delle disponibilità che si determineranno in ciascun ordine e grado d’ istruzione e nelle varie realtà geografiche.

Relativamente alla tempistica per l’ acquisizione delle disponibilità e del personale in esubero e per la pubblicazione dei movimenti, la Dott.ssa Palermo ha confermato il rispetto delle date previste per la pubblicazione della mobilità della scuola primaria – 24 maggio – , per l’ acquisizione delle domande e delle disponibilità – 17 maggio – e per la pubblicazione dei movimenti – 7 giugno – concernenti la scuola dell’infanzia, mentre in merito alla secondaria di primo grado, per la cui determinazione dell’ organico è attualmente aperta la funzione per l’ acquisizione degli alunni e delle classi da parte delle singole istituzioni scolastiche, dovrebbero essere confermate le date previste per la chiusura della suddetta funzione per le comunicazioni di rito – 27 maggio – e la pubblicazione – 22 giugno – dei movimenti. Per la secondaria di II grado ci è stata comunicata l’ apertura della funzione – 17 maggio – per l’ acquisizione al sistema degli alunni e delle classi ma, ovviamente, non sono prevedibili al momento nè la data di chiusura, nè quella preordinata per la pubblicazione dei movimenti, ma eventuali slittamenti, prevedibilmente poco significativi, non dovrebbero incidere sulla tempistica relativa alle ulteriori operazioni: utilizzazioni, assegnazioni provvisorie, immissioni in ruolo, ecc.

La Dott.ssa Palermo, infine, ci ha comunicato che alle varie Direzioni Generali sarà tenuta aperta la funzione fino al 21 maggio per poter integrare le confluenze e gli indirizzi di studio delle varie istituzioni scolastiche.

Per quanto riguarda, invece, le modalità di formulazione degli organici, con relativa individuazione dell’ esubero, da parte sindacale si è chiesto all’ Amministrazione di predisporre una proposta da discutere al tavolo di confronto nel prossimo incontro – attualmente non ancora calendarizzato – per verificare la praticabilità dell’ unificazione o meno degli organici, tenendo conto delle problematiche afferenti ai dimensionamenti scolastici (qualora riguardino istituzioni scolastiche ricomprese interamente nell’ Istruzione Liceale, Tecnica o Professionale) ed alle confluenze di istituzioni scolastiche – attualmente distinte – in un’ unica tipologia ai sensi della suddetta riforma. Solo in seguito alla formalizzazione di tale proposta da parte del MIUR, previa presenza di un esponente del sistema informativo come richiesto dalle OO.SS. per avere risposte tecniche, la parte sindacale valuterà la praticabilità di una modifica dell’ ordine delle operazioni, in particolare relativamente all’ individuazione ed alla gestione dell’ esubero.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione