Incontro abilitati TFA ordinario con staff sottosegretario Rossi Doria. Richieste: IV fascia graduatorie ad esaurimento e differenziazione di graduatoria o fascia dai Pas. Il resoconto

di Lalla
ipsef

inviato in redazione – Il 27 novembre 2013 la delegazione tieffina composta dalle docenti Arianna Paola Cipriani, Anna Uttaro e Marianna Saveriano, dietro appuntamento pregresso, si è recata nell’ufficio del Sottosegretario all’istruzione dott. Rossi-Doria.

inviato in redazione – Il 27 novembre 2013 la delegazione tieffina composta dalle docenti Arianna Paola Cipriani, Anna Uttaro e Marianna Saveriano, dietro appuntamento pregresso, si è recata nell’ufficio del Sottosegretario all’istruzione dott. Rossi-Doria.

Il Sottosegretario ha incontrato la delegazione nel momento in cui stava uscendo a causa di impegni urgenti sopraggiunti inaspettatamente; si è cortesemente scusato dicendo che sapeva chi fossimo, che ci stava attendendo ma che, purtroppo, doveva andare via con urgenza per impegni istituzionali imprevisti. Quindi ci ha invitato a raggiungere nella sua stanza lo staff che ci attendeva. Ci siamo lasciati cordialmente con la richiesta di parlare più a lungo in un prossimo appuntamento.

Siamo state ricevute nell’ufficio di Rossi-Doria dal suo fidato staff: il capo segreteria tecnica dott. Mazzoli, la segretaria particolare avv. Delle Vergini e la addetta stampa dott.ssa Tosoni.

Sono stati consegnati i fascicoli con la documentazione (mozione e richieste, emendamenti pro Tfa, riferimenti giuridici), quindi la coordinatrice Cipriani ha esposto con fermezza e risolutezza gli elementi he hanno fortemente penalizzato gli abilitati Tfa Ordinario, gli elementi che ne fanno un titolo altamente selettivo, i punti di convergenza con il percorso Ssis e i punti di divergenza con il percorso Pas (vedi Mozione).

Si è aggiunto che esiste un parallelismo tra il caso Tfa e il caso dei laureati in Sfp.

A questa premessa doverosa sono seguite le richieste motivate:

  • IV fascia gae per Tfa Ordinario poiché non lede gli interesse di chi ci precede (in lll) ed assicura incarichi dall’Usp ed il ruolo a scorrimento (mantiene il doppio canale fornendo una precarietà più dignitosa nel timore che i concorsi non siano banditi)
  • assoluta differenziazione di graduatoria o fascia dai Pas in virtù della diversità dei titoli nei cfu e nelle modalità di conseguimento.

Verso queste richieste, definite basilari e prioritarie, gli interlocutori hanno espresso apprezzamento per la loro chiarezza e la ragionevolezza.

Sono poi state illustrate le altre richieste che sono state poste come "auspicabili":

  • la priorità degli incarichi nella lll fascia di istituto per abilitati TFA (anche non inseriti) a partire da gennaio 2014
  • nell’ipotesi di essere nella seconda fascia con i Pas una maggiorazione di punteggio di 36 punti + bonus di 12 punti come risarcimento a quanti pur abilitati non hanno lavorato. Questa ipotesi, è stato detto, si preferirebbe non doverla attuare in quanto si auspica con fermezza una differenziazione di fascia / graduatoria dai Pas in virtù dell’obiettiva diversità del titolo al fine che alcun abilitato Tfa possa essere superato da un abilitato Pas.

Infine si è parlato della tempistica di attuazione del ll ciclo Tfa, della possibilità di insetire in sovrannumero gli idonei ed i vincitori di più classi di concorso.

Gli interlocutori hanno seguito con reale attenzione, hanno chiesto spiegazioni, hanno preso annotazioni. Sono in seguito intervenuti precisando che in assenza del Sottosegretario non potevano pronunciarsi in alcun modo sulla concreta attuabilità delle richieste specificando comunque che i due punti prioritari esposti richiederebbero una norma del Parlamento (al primo punto, IV fascia gae) e un atto amministrativo del MIUR (al secondo punto, differenziazione dai Pas).

Il dott. Mazzoli, dopo aver ricordato che il conseguimento del TFA genera il diritto ad essere inseriti in seconda fascia nelle graduatorie di istituto e quello di poter partecipare ai prossimi concorsi, ha sottolineato la chiarezza e la ragionevolezza delle richieste presentate, la loro potenziale "fattibilita’", nonché l’esposizione e l’ argomentazione logica e razionale.

Pertanto ha rassicurato le delegate che domani stesso, in mattinata, provvederà a riferire dell’incontro al Sottosegretario, specificando con attenzione i punti fondamentali. In mancanza di risposte certe rispetto a provvedimenti la cui concretezza e urgenza richiede un intervento altrettanto pragmatico, la dott.ssa Delle Vergini si è impegnata a mantenere i contatti con la delegazione per poter fissare con tempestività un nuovo incontro non appena sarà possibile fornire risposte concrete e puntuali alle richieste esposte.

Inoltre, dietro richiesta delle delegate di attivare un canale di comunicazione certo e continuativo con gli uffici in cui sono state ricevute, per avere un feedback sulle decisioni ministeriali in merito alle questioni esposte, il dott. Mazzoli si è impegnato a provvedere in tal senso promettendo di ricontattare il coordinamento quando ci saranno novità da esporre. Stessa rassicurazione è venuta dalla dott.ssa Delle Vergini che, non appena avrà notizie certe a riguardo, provvederà a fissare subito un secondo appuntamento.

L’incontro si è concluso alle h. 18.15.

Siamo fiduciosi che il Miur, nella persona del Sottosegretario e del suo staff, si adopereranno per risolvere in modo equo e appropriato la situazione paradossale ed estremamente penalizzante che ci ha afflitti.

Prof.ssa Arianna Paola Cipriani
Prof. Edoardo Ricci
Gruppo Nazionale Difesa Diritti Tfa Ordinario

Versione stampabile
anief anief
soloformazione