Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Inclusione studenti, come coinvolgere le famiglie: alcuni suggerimenti

Mentre gli studenti imparano e crescono insieme (nel corso di settimane, dei mesi e degli anni), i genitori e i tutori, anch’essi, potrebbero (di fatto lo fanno) imparare insieme a loro. Forti legami (riconosciuti dalle istituzioni scolastiche) offrono alle famiglie l’opportunità di sostenersi a vicenda nel coltivare le identità e i valori dei loro figli, aggiungendo ricchezza al lavoro educativo e formativo contro il pregiudizio e a favore di una sempre più necessaria giustizia sociale (gli accadimenti di questi ultimi anni, lo rendono assai più necessario).

Esistono molti modi per riunire le famiglie: eventi a scuola o nel territorio comunale (di quartiere e di città), elenchi di e-mail di gruppo (info sulla scuola, sul territorio, le attività delle parrocchie e sportive) e social media. Insegnanti, dirigenti scolastici, studenti o genitori e tutori potrebbero coordinare le connessioni familiari e renderle appropriate in base all’età degli studenti e alla composizione della comunità di appartenenza. Gli studenti delle scuole primarie, ad esempio, possono essere più propensi degli studenti delle scuole superiori a divertirsi partecipando a eventi con le loro famiglie. Una determinata attività può avere un maggior eco con alcune comunità culturali piuttosto che con altre (anche se potrebbe essere utile offrire anche eventi “estensivi” capaci di coinvolgere tutte le comunità di riferimento). Resta l’handicap, però, del fatto che alcune comunità potrebbero avere accesso alla tecnologia e alle competenze necessarie per supportare l’interazione online, mentre altre no.

Connessioni tra famiglie di alunni

Costruire connessioni tra le famiglie fornisce un “laboratorio di apprendimento” per l’introduzione di diverse strutture e di diverse tradizioni familiari al contesto relativo alla comunità di accoglienza. Rendere il curriculo della scuola più visibile alle famiglie aiuta a generare una maggiore propensione al supporto per il lavoro educativo degli insegnanti (finalizzato all’inclusione) e offre opportunità alle famiglie di lavorare con i propri figli su questioni di giustizia sociale. Queste connessioni possono anche favorire diverse relazioni che riecheggiano e rafforzano i messaggi chiave del curriculo inserito nel PTOF.

Strategie

Eventi familiari
Gli eventi che riuniscono studenti e famiglie potrebbero includere sagre paesane, picnic di famiglia; eventi di affinità familiare (ad esempio, per famiglie di un determinato gruppo culturale o etnico, per famiglie LGBT, per famiglie di colore, per famiglie adottive); vetrine del lavoro degli studenti; spettacoli studenteschi o di comunità; serate di cinema; serate di gioco; ed eventi culturali o multiculturali.

Programmi di educazione dei genitori / tutori
La programmazione educativa dovrebbe sostenere la costruzione della comunità e coinvolge i membri di tutte le famiglie di una istituzione scolastica. I programmi possibili potrebbero includere film, oratori o discussioni per genitori e tutori su temi come la prevenzione del bullismo, lo sviluppo dell’identità, le esperienze razziali, l’espressione di genere, la sessualità, le differenze di apprendimento e la diversità della famiglia. Gli eventi potrebbero essere indipendenti o far parte di un corso studiato e realizzato dalle scuole di appartenenza dei loro figli.

Progetti familiari
I progetti di servizio possono includere giornate di azione in famiglia presso la banca alimentare locale, lavorare insieme su questioni politiche e sociali, partecipare a eventi della comunità e progetti di raccolta fondi per cause cittadine, di quartiere o della stessa scuola.

Il supporto alla condivisione
Oltre a organizzare o pubblicizzare eventi formali, gli insegnanti possono incoraggiare le famiglie a connettersi in modo informale per condividere informazioni e risorse e sostenersi a vicenda nei momenti di bisogno (ad esempio, la nascita di un nuovo bambino o una morte in famiglia). La scuola può promuovere questo tipo di supporto nominandolo come priorità esplicita e creando un elenco di contatti o una directory online di supporto. Fantasia? Forse… Ma se non ci attrezziamo, come scuole, rischiamo di perdere il treno per l’inclusione tanto agognata.

Uso di risorse locali
Tutte le amministrazioni locali (piccole o grandi che siano) hanno risorse preziose che possono migliorare l’insegnamento e l’apprendimento su temi che interessano l’inclusione e la giustizia sociale, anche se queste risorse non sono sempre esplicite o ovvie.

Includono risorse per eventi, persone, luoghi e organizzazioni.

  • Eventi: Celebrazioni culturali e della comunità, commemorazioni, azioni politiche, eventi artistici, spettacoli, conferenze studentesche ed eventi di educazione civica della comunità.
  • Persone: Anziani, artisti, musicisti, ricercatori, leader di comunità, politici, giornalisti, sostenitori, storici locali, operatori culturali e persone comuni che hanno sperimentato e lavorato su questioni di inclusione e di giustizia sociale.
  • Luoghi: Musei, centri culturali, biblioteche, punti di riferimento del quartiere e siti di interesse storico o di lotta civica.
  • Le organizzazioni: Gruppi formali o informali impegnati in pertinenti progetti culturali, artistici, sociali o politici.

Strategie in aula

Presentazioni in aula o a scuola
Individui o rappresentanti organizzativi possono essere invitati a parlare di come le loro esperienze di vita o di lavoro si collegano ai temi della giustizia sociale.

Esplorazioni di vicinato

La storia e le conoscenze culturali basate sui movimenti collettivi e sociali spesso si collegano a città e quartieri specifici. La visita di siti, dedicati, ad esempio, alle commemorazioni delle lotte per i diritti civili, può aggiungere ricchezza alle esperienze curriculari degli studenti. Le esplorazioni del quartiere dove insiste la scuola, per esempio, possono anche essere abbinate a presentazioni in aula o a scuola.

Connessione con le organizzazioni della comunità

La maggior parte delle città ha organizzazioni locali che si impegnano in attività culturali, attività di servizio alla comunità o in difesa della giustizia sociale. Molte di queste organizzazioni sono felici di collaborare con le scuole, fornire agli studenti informazioni e offrire agli studenti opportunità di partecipare ai loro progetti. Utilizziamole sul serio ed efficacemente.

Impegno con problemi e problemi della comunità

Una componente fondamentale dell’educazione anti-pregiudizio (alla base di un percorso inclusivo) è imparare ad agire contro l’esclusione, il pregiudizio e la discriminazione; può essere particolarmente importante, per gli studenti, farlo nelle loro scuole e comunità locali.

Considerate i seguenti suggerimenti per garantire che gli sforzi di coinvolgimento della comunità riflettano i valori anti-pregiudizio e quelli d’inclusione:

  • Crea un progetto di azione comunitaria che affronti bisogni reali. Le organizzazioni della comunità possono aiutare a articolare queste esigenze e suggerire modi per massimizzare il tempo e i talenti degli studenti.
  • Attingere alla conoscenza personale che gli studenti hanno delle problematiche connesse ai pregiudizi sociali. Più specifico è il progetto, meglio è.
  • Includere una forte componente di ricerca che assicuri che gli sforzi degli studenti per aumentare le loro conoscenze e la comprensione del fenomeno non siano semplicemente basati su ciò che già sanno.
  • Incorporare la riflessione sulle attitudini degli studenti (di ciascuno di essi) per garantire che il progetto non rinforzi ipotesi o stereotipi su persone o comunità specifiche.
  • Fornire istruzioni di scrittura per aiutare gli studenti a considerare i cambiamenti personali che possono riuscire a determinare, anche grazie a questi percorsi specifici, per sfidare pregiudizi, esclusioni e ingiustizie.
  • Studia il più ampio contesto sociale che circonda il problema della comunità. Intervenire se gli studenti “incolpano la vittima” per sfide al di fuori del controllo individuale.
  • Usa i testi per stimolare la riflessione degli studenti sulle sfide e sui problemi della comunità.
  • Lavora “con”, non “per”, individui o gruppi che la classe vuole supportare.

Giustizia e azione

Piano d’azione personale
Dopo aver letto del pregiudizio o della discriminazione, l’incarico del Piano d’azione personale chiede agli studenti di riflettere su questi temi nel loro ambiente e di esplorare come potrebbero aiutare a rendere la loro scuola e la comunità della quale fanno parte più accogliente, inclusiva ed equa. Il piano d’azione personale può concentrarsi su un argomento particolare (ad esempio: insulti e bullismo, cultura tra pari, diversità dell’espressione di genere o questioni LGBT) o può essere più generale. I piani dovrebbero concentrarsi su atti di cambiamento personale e gli studenti dovrebbero condividere i loro piani con i compagni di classe per costruire la responsabilità per l’implementazione.

Progetti comunitari progettati dagli studenti
Qualsiasi problema di giustizia sociale potrebbe ispirare un progetto individuale o di gruppo progettato per supportare la popolazione della città nella quale vivono gli studenti. I possibili progetti includono la progettazione di un annuncio di servizio pubblico, lo svolgimento di un sondaggio d’opinione, la fornitura di servizi diretti attraverso un’agenzia della comunità, la creazione di un seminario o un evento o l’hosting di una mostra d’arte a tema di giustizia.

Partenariati in corso con organizzazioni comunitarie
I partenariati di comunità di un quadrimestre (o trimestre) o di un intero anno offrono agli studenti la possibilità di stabilire continuità e connessioni più profonde con problemi, popolazioni o progetti particolari. Una collaborazione che dura da più anni offre (quinquennale alla primaria, triennale alla secondaria di primo grado, quinquennale alla secondaria di secondo grado) a ogni classe la possibilità di basarsi sul lavoro delle classi precedenti, moltiplicando l’impatto.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia