Inclusione scolastica, sindaco Bologna sigla “Accordo Metropolitano 2016-2021”

WhatsApp
Telegram

Il sindaco della città metropolitana di Bologna,Virgino Merola, ha siglato l'”Accordo metropolitano 2016-2021 per l’inclusione scolastica e formativa dei bambini, alunni e studenti con disabilità”.

L’Accordo è stato firmato ieri 3 dicembre, in occasione della “Giornata dei Diritti delle Persone con Disabilità”.

Questo il commento del sindacato, come apprendiamo dall’Ansa:

“La nostra Istituzione, pur in un momento di forti cambiamenti e difficoltà, ha scelto comunque di investire le proprie risorse professionali e istituzionali per consegnare alla comunità metropolitana, alle famiglie, allievi e studenti con disabilità il nuovo Accordo di programma. Lo abbiamo fatto – ha concluso – non solo perché la Legge ce lo richiede, ma perché crediamo che l’impegno per una società coesa e inclusiva sia parte dell’identità della Città metropolitana”.

Non tutte le associazioni del territorio, però, hanno sottoscritto l’Accordo per per le motivazioni riportate nel seguente comunicato:

“Le scriventi Associazioni pur apprezzando nel complesso il Nuovo Accordo di Programma per l’integrazione scolastica anni 2016-2021, hanno evidenziato delle perplessità in merito alla stesura di alcuni articoli che, collegati a quanto esposto in premessa, potrebbero avere diverse interpretazioni. Per questo motivo codeste associazioni hanno inviato una missiva comune al Sig. Sindaco Metropolitano, nella quale esponevano queste preoccupazioni, sulla base di esperienze pregresse, e diversi dubbi sulle possibili interpretazioni di alcuni articoli, affinchè si potesse migliorare il testo dell’Accordo ovvero accompagnarlo da una appendice interpretativa, per evitare future contestazioni, che sarebbero ricadute sul TAR o sul Collegio di Vigilanza, alla luce del proverbio: prevenire è meglio che curare.

Purtroppo la risposta ricevuta a firma del Sindaco Merola in data 23.11.2016 ha una diversa prospettiva: attendere che il Collegio di Vigilanza sia chiamato per tali problematiche. Sinteticamente le criticità riguardano: la nuova figura dell’educatore d’istituto e il ruolo della famiglia. Auspichiamo che il convegno, volto alla presentazione dei nuovi accordi di programma, sia anche un momento di confronto sugli argomenti richiamati nella lettera qui allegata, e prontamente inviata al ricevimento della bozza degli Accordi. Ecco perché oggi NON sottoscriveremo l’Accordo di Programma. “
Cordiali saluti.

ANFFAS Bologna, ANGSA Bologna, Aliante, DidìAdAstra, Tribunale della Salute, APRI.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur