Inclusione, Rapisarda: rinascono Educatori alla comunicazione ed Esperti in Scienze tiflologiche

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione (I.Ri.Fo.R.), accreditato presso il Miur e riconosciuto da questo Ministero come ente di riferimento per la formazione del personale della scuola, iscritto all’albo nazionale degli enti di ricerca e accreditato quale test center AICA per il rilascio dell’ECDL, da diversi anni, ha istituito, al suo interno, propri Albi nazionali, tra i quali spiccavano soprattutto quelli degli Operatori tiflologici e degli Educatori Tiflologici.

L’Istituto, nel costituire i suoi albi nazionali dei diversi profili, non ha inteso farne degli “albi professionali”, quanto piuttosto, attraverso di essi, promuovere, certificandone le competenze, la formazione e l’attività di specifiche figure qualificate , capaci di realizzare interventi educativi e/o riabilitativi a favore di soggetti con disabilità visiva, anche con disabilità plurime, di tutte le età.

In proposito, dichiara il Direttore dell’I.Ri.Fo.R. Gianluca Rapisarda: “In particolare, nella sua ultima seduta, su impulso e precisa e lungimirante volontà del Presidente Nazionale Mario Barbuto e del Vice Presidente Massimo Vita, il CDAN ha deliberato la “storica” trasformazione dei succitati Albi nazionali degli Operatori tiflologici e degli Educatori tiflologici in quelli degli Educatori alla comunicazione e degli Esperti in scienze tiflologiche.”

Prosegue il Direttore scientifico Gianluca Rapisarda: “Trattasi, infatti, delle due figure di operatori a supporto del processo di inclusione degli alunni/studenti con disabilità visiva, la cui definizione del profilo e del percorso formativo è stata di recente elaborata e suggerita all’I.Ri.Fo.R. dal Network per l’Inclusione Scolastica (NIS) dell’UICI, sulla base delle più moderne direttive comunitarie e teorie pedagogiche.

Sottolineare oggi l’importanza dell’Educatore alla comunicazione e del Pedagogista esperto in scienze tiflologiche, infatti, significa non voler eliminare i docenti per il sostegno, ma riaffermare e riproporre finalmente la necessità della specificità tiflologica per un proficuo processo di inclusione dei nostri allievi.”

Al riguardo, precisa il Direttore Gianluca Rapisarda: “Nell’assoluta convinzione di dover fornire urgentemente a questi due operatori una formazione universitaria specifica,, l’I.Ri.Fo.R. ha già chiuso diversi accordi per l’attivazione, nel corso del nuovo anno accademico, di un Master sperimentale di I° livello per “Educatori per disabili sensoriali”, in Convenzione con l’Università “Carlo Bo” di Urbino, di un Master di I° livello per Tiphlology Skilled Educator (TSE) con l’Unimol di Campobasso ed un Master di I° livello per Assistenti all’autonomia e alla comunicazione con l’Unimore, autorizzando altresì la concessione di borse di studio per favorire la partecipazione a tali iniziative formative di studenti con disabilità visiva.”

Conclude Gianluca Rapisarda: “Ovviamente a chi conseguirà tali titoli, parimenti agli operatori dei Centri di Consulenza Tiflodidattica della Federazione Pro Ciechi e della Biblioteca “Regina Margherita” e degli Istituti per ciechi, si darà la possibilità di iscriversi ai nostri nuovi Albi Nazionali degli Educatori alla comunicazione e degli Esperti in scienze tiflologiche. L’auspicio, infatti, è che i suddetti Master universitari, da esperienze “pilota”, possano presto diventare veri e propri modelli formativi di riferimento per tutti gli Atenei italiani, contribuendo finalmente a far rinascere la Tiflologia nel nostro Paese.”

Di seguito si riporta il Regolamento dei nuovi Albi Nazionali degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi e degli Esperti in scienze tiflologiche

ART.1 Modalità d’iscrizione

  1. L’I.Ri.Fo.R., con l’intento di fornire a tutte le strutture e non solo indicazioni precise e di qualità, costituisce i seguenti Albi Nazionali:

Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi

Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche

B) Per iscriversi all’Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi e all’Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche, gli interessati dovranno inviare una richiesta corredata di curriculum vitae e dovranno sostenere una prova di verifica.

C) Per iscriversi all’Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi e all’Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche non è richiesto alcun contributo economico e l’istituto autorizzerà solo attività che prevedano l’impegno di esperti iscritti ai presenti Albi.

D) Gli operatori che dovessero esercitare sul territorio senza aver informato l’Istituto saranno sospesi dagli albi su decisione insindacabile del CDAN.

E) Ai professionisti impegnati nei corsi o altre attività autorizzate e finanziate dalla sede nazionale, sarà applicata una detrazione sul compenso previsto, pari al 2% del compenso a titolo di contributo per l’ente.

ART. 2 Diritti e doveri

A) L’istituto si impegna a organizzare corsi di aggiornamento e di formazione per garantire la professionalità degli iscritti all’Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi e all’Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche.

B) Ogni esperienza formativa darà diritto a dei crediti formativi a seconda della difficoltà del programma dell’iniziativa.

C) L’istituto potrà riconoscere iniziative esterne come accreditate per la formazione degli iscritti all’Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi e all’Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche con assegnazione di crediti precedentemente attribuiti alle varie iniziative.

D) Ogni iscritto deve acquisire almeno trenta crediti formativi all’anno pena la cancellazione dagli Albi.

E) L’Istituto invierà via e-mail, e pubblicherà nella Sezione Albi del sito, le possibili iniziative di aggiornamento offerte, le indicazioni bibliografiche ed ogni altra notizia ritenuta utile all’attività degli iscritti, nonché i contenuti e le modalità delle prove di esame eventualmente previste.

F) Gli iscritti all’Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi e all’Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche potranno essere sottoposti a verifica periodica su decisione del CDAN ogni tre anni.

G) In caso di comprovata irregolarità il Consiglio di Amministrazione Nazionale potrà deliberare la cancellazione dall’Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi e dall’Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche di qualunque iscritto.

ART.3 Istituzione dell’Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi e dell’Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche

A) L’Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi e l’Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche sono istituiti dal CDA su proposta del comitato scientifico con apposito atto deliberativo del CDAN e sono pubblicati sul sito con i presenti relativi Regolamenti particolari.

B) L’istituzione dell’Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi e dell’Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche o la loro cancellazione è deliberata dal Consiglio di Amministrazione Nazionale nel rispetto delle vigenti norme statutarie.

ART.4 Prove di esame

A) L’iscrizione agli Albi è subordinata ad una prova di ammissione per la verifica delle competenze del candidato.

Acquisiti i requisiti e le competenze previste, il candidato chiede di essere ammesso all’esame per l’iscrizione all’ Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi oppure all’ Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche , previo versamento sul CC dell’Istituto della somma di € 100.00 (cento).

La Commissione d’esame è così composta:

  • Un Presidente, con particolari competenze tiflologiche.
  • Un esperto di tiflodidattica.
  • Un esperto di tifloinformatica e degli ausili tifloinformatici per i ciechi e per gli ipovedenti.

L’esame consiste in un colloquio individuale e in una prova pratica atta a verificare, oltre alle competenze tiflodidattiche, anche la conoscenza dei principali ausili tiflodidattici e tiflotecnici per ciechi e per ipovedenti e la propria attitudine alla relazione personale con la disabilità.

B) Le sessioni di esame di norma, si svolgono nella sede nazionale dell’I.Ri.Fo.R. e sono gestite dalla suddetta apposita Commissione di esame nominata dal Consiglio di Amministrazione Nazionale.

C) Le spese di viaggio e di soggiorno sono sempre a carico dei richiedenti.

D) Per sostenere l’esame sarà obbligatorio versare la succitata quota di 100 Euro fissata dal CDA nella delibera che istituisce i presenti albi.

E) Le attività di segreteria della commissione sono affidate al Responsabile dell’Albo Nazionale definito al successivo art. 7.

F) La Commissione viene convocata non appena pervengono al Responsabile dell’Albo Nazionale almeno 5 domande di iscrizione e, comunque, almeno una volta l’anno.

G) I soggetti ritenuti idonei saranno inseriti nell’apposito Albo degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi o nell’Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche pubblicati sul sito internet dell’Istituto (www.irifor.eu).

H) I soggetti ritenuti non idonei saranno informati della esclusione unicamente tramite e-mail e potranno presentare nuovamente domanda di iscrizione, previa l’acquisizione di almeno trenta crediti formativi.

ART. 5 Requisiti per l’iscrizione

Gli albi sono stati costituiti al fine di garantire l’individuazione di personale di I° livello (Educatori alla comunicazione per disabili visivi) e di II° livello (Esperti in scienze tiflologiche) a supporto dell’inclusione degli alunni/studenti con disabilità visiva, in possesso di competenze e conoscenze tiflodidattiche per il sostegno nell’istruzione e nell’educazione dei ciechi e degli ipovedenti, acquisite attraverso la frequenza di specifici corsi e/o ottenute con attività di sostegno a disabili visivi “sul campo”.

REQUISITI RICHIESTI PER L’ISCRIZIONE All’ALBO NAZIONALE DEGLI EDUCATORI ALLA COMUNICAZIONE PER DISABILI VISIVI

  1. Laurea triennale in Scienze della formazione, o in Scienze dell’educazione od in “Educatore professionale”.
  2. Possesso del titolo di “Educatore alla comunicazione”, conseguito dopo la frequenza dell’apposito Master universitario di I° livello.
  3. In alternativa al Master di cui sopra, almeno 600 ore di lavoro con i disabili visivi negli ultimi 2 anni e frequenza di un Corso di formazione in tiflologia di almeno 200 ore (anche in FAD), con valutazione finale in presenza, riconosciuto dall’ I.Ri.Fo.R.
  4. Competenza autocertificata sulla scrittura braille e sull’uso di periferiche informatiche specifiche.

Il riconoscimento di ulteriori titoli o la deroga a quelli sopraelencati sono a discrezione della Commissione esaminatrice.

Per l’anno 2017, per tutti i professionisti che sono già presenti nell’albo degli Operatori tiflologici, l’iscrizione al nuovo Albo degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi viene riconosciuta d’ufficio anche in assenza di alcuni dei suddetti requisiti minimi, che però dovranno essere acquisiti dall’interessato nell’anno, tramite la frequenza con profitto di uno dei corsi organizzati dall’Istituto o da enti riconosciuti.

REQUISITI RICHIESTI PER L’ISCRIZIONE NELL’ALBO NAZIONALE DEGLI ESPERTI IN SCIENZE TIFLOLOGICHE.

  1. Laurea magistrale in Scienze della formazione o in Scienze dell’educazione o in Pedagogia.
  2. Possesso del titolo di “Pedagogista esperto in scienze tiflologiche”, conseguito dopo la frequenza dell’apposito Master universitario di II° livello.
  3. In alternativa al Master di cui sopra, almeno 600 ore di lavoro con i disabili visivi negli ultimi 2 anni e frequenza di un Corso di formazione in tiflologia di almeno 600 ore (anche in FAD), con valutazione finale in presenza, riconosciuto dall’ I.Ri.Fo.R.
  4. Competenza autocertificata sulla scrittura braille e sull’uso di periferiche informatiche specifiche.

Il riconoscimento di ulteriori titoli o la deroga a quelli sopraelencati sono a discrezione della Commissione esaminatrice.

Per l’anno 2017, per tutti i professionisti che sono già presenti nell’albo degli Educatori tiflologici, l’iscrizione al nuovo Albo degli Esperti in scienze tiflologiche viene riconosciuta d’ufficio anche in assenza di alcuni dei suddetti requisiti minimi, che però dovranno essere acquisiti dall’interessato nell’anno, tramite la frequenza con profitto di uno dei corsi organizzati dall’Istituto o da enti riconosciuti.

ART.6 Durata dell’iscrizione e cancellazione

L’iscrizione all’Albo degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi e all’ Albo degli Esperti in scienze tiflologiche ha durata illimitata ma gli iscritti possono essere sottoposti a verifica o ritirarsi unilateralmente.

ART. 7 Responsabile dell’Albo Nazionale

I responsabili dell’Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi e dell’Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche sono nominati dal Presidente Nazionale o dal Vice Presidente Nazionale sentito il Direttore Scientifico.

Il Responsabile dell’Albo Nazionale si occupa della intera gestione amministrativa dell’Albo, nonché della sua promozione.

Con la supervisione del Direttore Scientifico, e l’autorizzazione del Presidente o del Vice Presidente, il Responsabile dell’Albo Nazionale:

  • promuove e/o organizza percorsi formativi per l’iscrizione agli albi, anche in FAD;

– promuove la professionalità degli iscritti attraverso la diffusione di materiale illustrativo sulle competenze certificate dall’Albo e sulle capacità degli iscritti rilascia la certificazione di iscrizione dichiarando le competenze possedute all’atto dell’iscrizione;

  • invia gli elenchi degli iscritti agli enti interessati (scuole, EE.LL., Cooperative, società di servizi, ecc.), fornendo le necessarie informazioni sulla specificità delle conoscenze e capacità degli iscritti all’Albi;
  • diffonde le liste degli iscritti agli Albi nazionali attraverso i social network;

cura la raccolta e la diffusione di dispense e di altro materiale bibliografico specifico;

  • organizza e/o segnala iniziative di aggiornamento: corsi (anche in FAD), seminari, convegni, workshop;
  • supporta i candidati all’iscrizione tramite l’invio del programma d’esame e sostiene gli iscritti nell’esercizio della pratica operativa, anche con l’invio di materiale bibliografico e didattico.

ART. 8 Modalità operative di aggiornamento

Gli iscritti all’Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione per disabili visivi e all’Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche sono tenuti alla partecipazione ad iniziative riferite ad argomenti specifici di aggiornamento, per almeno 16 ore annue, quali ad esempio: corsi (anche in FAD), seminari, workshop che prevedano la certificazione delle competenze acquisite.

L’Istituto organizzerà tramite la propria piattaforma didattica o presso le proprie sedi formative delle apposite iniziative di aggiornamento.

ART. 9 Attività di sostegno e promozione degli iscritti

Per quanto concerne l’Albo Nazionale degli Educatori alla comunicazione e l’Albo Nazionale degli Esperti in scienze tiflologiche per disabili visivi l’I.Ri.Fo.R.:

  • promuove e/o organizza percorsi formativi per l’iscrizione all’albo, anche in FAD;
  • rilascia la certificazione di iscrizione completa delle competenze possedute all’atto dell’iscrizione;
  • promuove la professionalità degli iscritti attraverso la diffusione di materiale illustrativo delle competenze certificate dall’albo e delle loro capacità di interventi formativi;
  • invia gli elenchi degli iscritti agli enti interessati (scuole, EELL, Cooperative, società di servizi, ecc.), fornendogli le necessarie informazioni sulla specificità delle loro conoscenze e capacità;
  • diffonde le liste degli iscritti all’albo nazionale attraverso i social network;
  • cura la raccolta e diffusione di dispense e di altro materiale bibliografico specifico;
  • segnala e/o organizza iniziative di aggiornamento: corsi (anche in FAD), seminari, convegni, workshop, ecc.;
  • supporta gli iscritti nell’esercizio della pratica operativa, anche con l’invio di materiale bibliografico e didattico;
  • affida agli iscritti la docenza nelle attività realizzate dall’Istituto

ART. 10 Tutela della Privacy

Ai sensi del D. Lgs. N. 196/2003 e successive modificazioni e integrazioni, i dati in possesso dell’Istituto verranno trattati nel rispetto della riservatezza e senza alcuna altra finalità rispetto a quelle per cui sono richiesti.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione