Inclusione, Rapisarda: I CTS solo un “lontano” ricordo, o “futuribili” Scuole polo?

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Per evitare che durante le vacanze estive si spengano i riflettori sui delicati temi dell’inclusione, nel corso di un recente intervento sulla stampa, il Direttore dell’I.Ri.Fo.R. Gianluca Rapisarda, è tornato a parlare di quelli che definisce i principali “buchi” del Decreto attuativo della Buona Scuola sul sostegno.

Dichiara il Direttore scientifico Gianluca Rapisarda: “Il Decreto legislativo n. 66/17 evita solo il peggio e lascia irrisolti alcuni degli atavici “mali scolastici” del sostegno italiano, rispetto ai quali, neppure il clima spensierato delle vacanze e la “canicola” estiva devono farci abbassare la guardia.

Innanzitutto, mi riferisco al problema della formazione specifica iniziale ed in servizio di tutto il personale scolastico (e non solo dei docenti per il sostegno) sulla Didattica inclusiva e sulla Pedagogia speciale.”

Precisa il Direttore Gianluca Rapisarda: ”La formazione iniziale universitaria specifica degli insegnanti per il sostegno della scuola dell’infanzia e primaria sarà caratterizzata da un aumento dei crediti formativi sulla Didattica inclusiva e sulla Pedagogia speciale dagli attuali 60 a 120 (art 12 D.Lgs n. 66 del 2017).

Lo stesso aumento di crediti, tuttavia, non è stato previsto dall’art 10 dell’altro Decreto attuativo della Buona Scuola n. 59/17 (nuove modalità di arruolamento e reclutamento dei docenti) per la formazione specifica sull’inclusione degli insegnanti specializzati della scuola secondaria di I° e II°. Inoltre, il loro percorso di inserimento lavorativo (il nuovo e farraginoso FIT) sarà più incentrato sulla quantità e sul numero dei crediti più che sulla qualità ed efficacia didattica dei contenuti.”

Aggiunge Gianluca Rapisarda: “Anche la formazione generalizzata di tutti i docenti di ruolo, degli ATA e dei dirigenti scolastici sulla Didattica inclusiva è stabilita solo “simbolicamente” dalla Buona Scuola, perchè essa, sbagliando, nonne fa loro obbligo.”

“Voglio inoltre sottolineare – osserva il Direttore dell’I.Ri.Fo.R. Gianluca Rapisarda- che la medesima delega sull’inclusione della Buona Scuola fa finta di dimenticarsi che i docenti per il sostegno sono sovente insegnanti “in deroga”, in “messa a disposizione”, in esubero dalle altre classi di concorso ed utilizzati “pescando” dalle graduatorie di circolo e d’Istituto, anche se non specializzati ed abilitati.

Tale situazione è gravissima e va assolutamente denunciata, perchè fa sì che l’attuale inefficace e deficitario sistema del sostegno, composto da oltre il 40% di insegnanti specializzati? precari e fondato sulla loro appartenenza all’organico di fatto e non a quello di diritto, si automantenga vergognosamente, “legittimando” le famiglie dei nostri ragazzi a presentare ripetutamente ricorso alle autorità giudiziarie.”

”Occorre altresì evidenziare –spiega il Direttore scientifico Gianluca Rapisarda- che la nomina dell’insegnante specializzato, seppur rappresentando un “sacrosanto” diritto assolutamente esigibile dai nostri ragazzi e dalle loro famiglie, da sola e se non affiancata dalla promozione anche di un “contesto” veramente inclusivo, rischia di essere quasi inutile e di ingenerare “false” aspettative nei genitori dei nostri ragazzi e di ripetere le “distorsioni” e gli sbagli dell’attuale modello dell’inclusione scolastica, che hanno finito per provocare i “deprecabili” fenomeni della “deresponsabilizzazione” dei docenti curricolari rispetto ai loro alunni con disabilità e la perversa “delega” al solo collega di sostegno dei loro insegnamenti e delle loro valutazioni.”

“Con la delega sull’inclusione, al contrario – chiarisce Gianluca Rapisarda-, non è avvenuto nulla di tutto ciò: i CTS sono scandalosamente scomparsi dalla circolazione (e con loro la possibilità di aprire al loro interno anche “sportelli tiflodidattici” per alunni con disabilità visiva), sono stati sostituiti da “ectoplasmatiche” Scuole Polo e nessun accenno si fa a finanziamenti a sostegno di servizi exstrascolastici di supporto all’inclusione degli alunni con disabilità (quali potrebbero essere ad esempio i17 Centri di Consulenza Tiflodidattica della Federazione Pro Ciechi e della Biblioteca “Regina Margherita” e gli ex Istituti dei ciechi).”

”Per non parlare – continua il Direttore Gianluca Rapisarda- della “vexata quaestio” della continuità didattica, da tutti invocata, ma quasi mai attuata concretamente a scuola per gli studenti disabili e, soprattutto, clamorosamente “tradita” dalla recente Delega sull’inclusione.

Conclude Gianluca Rapisarda: “Credo pertanto che, di fronte alle attuali “distorsioni” e contraddizioni del nostro modello di inclusione, solo quelle che io definisco “continuità di contesto” (inclusivo) e “continuità di presenza” di un docente per il sostegno adeguatamente preparato e formato sulle esigenze specifiche degli alunni/studenti con disabilità del Terzo millennio possano loro assicurare un’effettiva difesa della continuità didattica e del loro diritto allo studio.”

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare