Inclusione, nuovo PEI e rischio meno insegnanti di sostegno: la risposta del Ministero

Stampa

Primo incontro al Ministero, in cui l’Amministrazione ha illustrato ai sindacati il Decreto Interministeriale 182 del 29 dicembre 2020 sulle “Modalità per l’assegnazione delle misure di sostegno e nuovo modello di PEI”. 

Il decreto è corredato di apposite Linee guida e comprende i quattro nuovi modelli di PEI (per la scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado), la scheda per l’individuazione del bisogno di supporto per l’alunno, nonché una tabella per l’individuazione dei fabbisogni di risorse professionali per il sostegno e l’assistenza.

Perché il rischio di una riduzione del numero degli insegnanti di sostegno

Ne avevamo già parlato nell’articolo  Nuovo PEI, cambia modalità assegnazione ore sostegno. Si ridurrà numero insegnanti, problemi precariato

in cui si metteva in evidenza che

Nel Decreto interministeriale n. 182 del 29 dicembre 2020, viene apportata una modifica dei parametri per l’assegnazione delle ore di sostegno agli alunni con disabilità, che non viene più fatta prendendo in considerazione la condizione di gravità dell’alunno ma attraverso il “debito di funzionamento” (rilevato a fine anno rispetto alle abilità e competenze acquisite) per dedurne automaticamente un certo numero di ore di sostegno didattico o di assistenza per l’autonomia e la comunicazione.

L’art. 15 del suddetto decreto ribadisce che il GLO, propone il fabbisogno di ore di sostegno per l’anno successivo, motivando adeguatamente la richiesta, ciò dopo aver valutato il Profilo di funzionamento e il suo eventuale aggiornamento così come tutte quelle procedure relative all’organizzazione delle attività di sostegno didattico e delle osservazioni sistematiche.
Al citato decreto sono inclusi, l’allegato C con la segnalazione del relativo “Debito di funzionamento” e l’allegato C “1” Tabella Fabbisogno Risorse professionali per il sostegno didattico e l’assistenza.

Allegato C “Debito di funzionamento”

Allegato C “1” Tabella Fabbisogno Risorse professionali per il sostegno didattico e l’assistenza

Il rischio di “nuovi e devastanti tagli al personale” è stato messo in rilievo, nel corso della riunione, dal sindacato FLCGIL, che precisa “Intravediamo in questo meccanismo il rischio di assegnazione al ribasso dei docenti di sostegno e di conseguente penalizzazione dei processi di inclusione“.

“L’Amministrazione – riferisce la FLCGIL – ha specificato che il Decreto non avrà ricadute immediate sugli organici e che, comunque, si tratta di un tema su cui la Direzione dello studente  non ha competenze specifiche”.

Anche la UIL ha puntualizzato  “Dietro un linguaggio forbito si nasconde il taglio degli organici in un settore che rappresenta il fiore all’occhiello dell’Italia nel mondo, riducendo così il diritto allo studio di questi ragazzi. La chiave di lettura vera la troviamo all’interno della relazione tecnica alla legge di bilancio dove da una parte si sbandierano 25.000 nomine in ruolo per i prossimi tre anni ma nello stesso tempo non si dice che avremo una riduzione in organico di diritto da subito di 1.800 posti e in futuro una riduzione di ulteriori 5.000 posti l’anno.
Tutto questo porterà ad un risparmio per l’amministrazione di 180 milioni l’anno sulla pelle dei ragazzi con disabilità e delle loro famiglie.”

Dell’argomento abbiamo parlato anche nell’intervista

Nuovo PEI, saranno assegnate meno ore agli alunni con disabilità? Ciracì (MiSoS): “Non si adotti la logica del risparmio economico” [INTERVISTA]

Webinar Ministero

Ricordiamo che martedì 26 gennaio alle ore 18.30 il Ministero terrà il primo webinar  su “I nuovi modelli PEI e le modalità di assegnazione delle misure di sostegno” con l’intervento della Ministra Azzolina. Canale YouTube del MI https://aka.ms/InclusionePEI

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur