Incarichi P.O.N. 2007-13. Limiti per i docenti “inidonei”

di redazione
ipsef

red – Il Ministero ha emanato, giorno 10 gennaio 2014, una nota (la 248) con la quale dà indicazioni circa gli incarichi da assegnare al personale "idoneo ad altri compiti" nei progetti PON-FSE.

red – Il Ministero ha emanato, giorno 10 gennaio 2014, una nota (la 248) con la quale dà indicazioni circa gli incarichi da assegnare al personale "idoneo ad altri compiti" nei progetti PON-FSE.

Per quanto riguarda l’incarico di referente per la valutazione e di facilitatore, la nota specifica che "è espressamente richiesta la qualità di docente". Di conseguenza, continua la nota "i soggetti dichiarati assolutamente o, anche solo, relativamente inidonei all’insegnamento, non potendo continuare a svolgere l’incarico di docente non possono, a maggior ragione, risultare affidatari di incarichi che presuppongono la permanenza in servizio nella loro originaria qualifica".

Stesso indirizzo anche per le funzioni di tutor per le quali è necessario "appartenere al personale docente dell’istitutzione scolastica".

Per quanto riguarda l’Obiettivo/Azione B9 "Sviluppo di competenze sulla gestione amministrativo-contabile e di controllo sulle procedure di acqusizione di beni e servizi", ricorda la nota che è aperto sia al personale ATA che al personale docente. Per tale Obiettivo è possibie che il personale ATA, in presenza di qualificati profili ed esperienze, possa svolgere il ruolo di tutor.

I soggetti dichiarati assolutamente inidonei a svolgere attività lavorativa non potranno rivestire in nessun caso il ruolo di tutor, i soggetti dichiarati relativamente inidonei all’insegnamento e assunti quali assistenti amministrativi o tenici, potranno svolgere attività secondo le indicazioni riportate sopra.

Divieto per i docenti "idonei ad altri compiti" per quanto riguarda gli incarichi di esperto, che, dice la nota, "sono incarichi di docenza per lo svolgimenti dei quali è necessario risultare idonei" all’insegnamento.

Scarica la nota

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare