In Veneto l’impianto che purifica l’aria in classe: zero contagi nella scuola che l’ha adottato

Stampa

Assenza di contagi nella scuola elementare di Lozzo Atestino, comune in provincia di Padova. Tutto questo grazie ad un impianto di aerazione all’avanguardia.

Realizzato da una ditta locale, non filtra l’aria presente negli ambienti per poi rimetterla in circolo, ma la espelle direttamente, pescandone di pulita dall’esterno. Il tutto sfruttando due diversi canali, senza mai mescolare l’aria in uscita con quella in entrata, la cui temperatura e umidità vengono mantenute a livelli ottimali.

Il senatore della Lega, Mario Pittoni, è andato in visita presso la scuola per vedere da vicino l’impianto di aerazione. Ad accoglierlo, così come segnala il Gazzettino, anche il dirigente scolastico Alfonso D’Ambrosio, dirigente scolastico dell’istituto comprensivo di Lozzo Atestino di cui fanno parte anche le scuole di Vo’.

“Sono alla ricerca di tutto quello che può rendere la scuola più sicura sotto il profilo sanitario. Il dirigente D’Ambrosio mi aveva parlato del sistema di aerazione all’avanguardia adottato in una delle sue scuole, così sono venuto a vederlo di persona. Per la ripartenza in sicurezza non c’è soltanto il nodo dei trasporti ma anche quello della sicurezza sanitaria. Il governo non ha previsto nessun piano di investimenti a salvaguardia della qualità dell’aria per prevenire possibili focolai. L’appello ad aprire le finestre non offre adeguate garanzie. Secondo alcuni studi, in caso di nebbia l’apertura delle finestre avrebbe addirittura l’effetto opposto, in quanto con l’umidità aumentano pure le goccioline in sospensione, incrementando il rischio di contagi”, afferma Pittoni al quotidiano locale.

Stampa

Concorso STEM Orale e TFA Sostegno? Preparati con CFIScuola