In una scuola di Imola chi va a messa può entrare tardi: insorge l’Uaar

Stampa

E’ stata pubblicata una lettera sul sito di una scuola di Imola in cui si autorizzano gli studenti a partecipare alla funzione religiosa di inizio anno scolastico nella cattedrale al mattino e, una volta terminata la celebrazione, gli studenti si recheranno a scuola giustificando l’ingresso in ritardo.

L’Uaar, l’Unione degli atei e degli agnostici denuncia “atti di culto in orario scolastico” e avvisa la dirigente. “Siamo spiacenti di dover intervenire- scrive l’Uaar in una mail inoltrata anche al dirigente provinciale e al consiglio d’istituto – per chiedere il rispetto della normativa e per opporci a iniziative che operano una vera e propria forma di discriminazione nei confronti delle minoranze”.

L’Uaar, nella lettera, cita anche una serie di sentenze della magistratura contro lo svolgimento di attività religiose in orario scolastico.

“Ci auguriamo che nella sua qualità di dirigente scolastico- scrive ancora l’Uaar alla preside – si premuri di far presente al Consiglio di istituto l’illegittimità di delibere in contrasto con le norme di legge in vigore. La informiamo che, nel caso vengano programmate altre iniziative di carattere confessionale che prevedono un tale comportamento, procederemo giudizialmente in sede civile, amministrativa e penale.”

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur