In Italia sempre meno studenti lavoratori, in 10 anni -51%

di redazione
ipsef

In Italia calano gli studenti che lavorano: nel 2015 gli studenti con un’occupazione sono appena 75 mila, il 2% del totale di chi è impegnato in percorsi formativi tra i 15 e i 24 anni. E’ quanto emerge dalle tabelle dell’Istat, appena aggiornate.

Si tratta del livello più basso dal 2004. In 10 anni il numero di chi riesce a portare avanti le due cose allo stesso tempo si è dimezzato (-51% sul 2005) e ancora più forte è la discesa rispetto al picco registrato nel 2008 (-60%). Eppure negli anni gli studenti sono via via aumentati, avvicinandosi nel 2015 ai massimi (3 milioni 714 mila studenti).

Diminuiscono sia i disoccupati (pari a 39 mila, -31% in 10 anni), sia coloro che si collocano nella zona grigia dell’inattività, non sono a caccia di un impiego ma nel caso spunti fuori sono pronti a coglierlo (in tutto 124 mila, al minimo storico), mentre tra gli studenti aumentano gli inattivi veri e propri, che non hanno né cercano un’occupazione (3 milioni 476 mila, mai stati così tanti).

Nel range di età 20-24 gli studenti universitari che lavorano in dieci anni si sono ridotti del 46% (a 64 mila da 119 mila) e il ribasso diventa ancora più drastico facendo il confronto con il 2008 (-57%). Allargando il range agli under30, il numero assoluto di chi lavora e studia insieme sale (166 mila tra i 15 e 29 anni) ma rapportando il dato agli anni passati sempre di caduta si tratta (41% in 10 anni e -51% dal valore massimo).

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione