Rientro a scuola, Regioni chiedono incontro urgente con governo: posizioni incoerenti

Stampa

E’ in corso la riunione della Conferenza delle Regioni richiesta dal governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga per parlare in particolare del tema scuola.

A quanto apprende Ansa non vi sta partecipando nessun ministro ma solo i presidenti delle Regioni e la coordinatrice degli assessori all’Istruzione Alessandra Nardini.

Fedriga nelle scorse ore ha emanato l’ordinanza per la conferma fino al 31 gennaio della dad al 100% per le superiori, nonostante il ricorso presentato al Tar. I genitori promettono nuovo ricorso.

Dpcm e rientro a scuola, le Regioni possono differire il termine di riavvio delle lezioni in presenza. Circolare ministero Interno

Seguiranno aggiornamenti

Aggiornamento ore 22,30 – La Conferenza delle Regioni si è conclusa. Le Regioni chiedono all’unanimità la convocazione del ministro Speranza per domani o al massimo mercoledì, per dirimere la questione della scuola.

A quanto apprende Ansa, si è discusso delle dichiarazioni di ieri del Cts, delle decisioni dei Tar e alcune posizioni espresse in passato e diverse da oggi, dello stesso Cts, dell’Iss e del consulente del Governo che verrebbero giudicate incoerenti.

Riapertura scuole, il CTS dà il via libera: si può tornare in presenza. Le ultime notizie

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione