In Campania uno studente su tre non ha la banda larga per accedere alla didattica digitale

Stampa

“Il Covid evidenzia quanto sia strategico superare il digital divide che interessa la Campania, dove la concentrazione demografica è tutta sulla costa, con grosse differenze fra zone servite dalla banda ultra larga e altre con connessioni più lente, accentuando il divario tra città e campagne”.

È quanto ha affermato il presidente di Coldiretti Campania, Gennaro Masiello. In regione gli studenti, tra i 6 e i 14 anni coinvolti nella didattica a distanza, sono 530mila. E secondo quanto emerso da uno studio effettuato da Coldiretti su dati Istat relativi al 2019, quasi una famiglia su tre che vive in campagna non dispone di una connessione a banda larga, necessaria per l’accesso alle lezioni online.

Solo il 76% delle famiglie italiane dispone di un accesso internet e appena il 75% ha una connessione a banda larga. Ma la situazione peggiora notevolmente nelle aree rurali con appena il 68% dei cittadini che dispone di connessione a banda larga nei comuni con meno di 2mila abitanti.

L’appello lanciato da Coldiretti è quello di colmare la lacuna del digital divide per estendere soprattutto nelle zone di campagna un potenziale tecnologico che non riguarda solo la scuola. Oltre alla didattica online e corsi di aggiornamento a distanza ci sarebbe l’agricoltura 4.0, ma anche cogliere le opportunità del turismo nelle aree interne e del commercio on line.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia