In Campania la scuola ricomincia troppo presto, danneggia il turismo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Gli operatori turistici e amministratori comunali della costiera Cilentana si lamentano che la scuola ricomincia troppo presto a danno dell’attività turistica.

Le lezioni riprenderanno l’11 settembre in Campania, il sindaco di Camerota farà slittare la riapertura il 16 settembre.

«Il periodo indicato risulta essere, per le attività turistiche e ristorative, di particolare interesse per la stagione estiva non ancora conclusa e con numerosi turisti e villeggiati presenti sul territorio comunale e del comprensorio tutto, nonché caratterizzato da temperature elevate, tali da creare – spiega il primo cittadino a Il Mattino – non pochi disagi agli utenti scolastici». Quindi a Sapri le scuole riapriranno cinque giorni dopo la data fissata dalla regione. Per lo stesso motivo riapriranno il 16 anche le scuole di Torraca e Vibonati. «Ritornare in classe così presto vuol dire anche penalizzare il turismo interno e tagliare le gambe al processo di destagionalizzazione in corso. Con i colleghi di Centola e Sapri – precisa il Sindaco di Camerota – ci stiamo attivando per estendere la discussione alle altre amministrazioni locali e portarla all’attenzione del governatore De Luca, sempre sensibile rispetto alle esigenze del territorio».

Versione stampabile
anief banner
soloformazione