Impugnare le Graduatorie, a quale giudice rivolgersi?

Stampa
Il Consiglio di Stato con provvedimento 953 del 2016 ha espresso e ricordato anche alcuni importanti principi in materia di giurisdizione in tema di impugnazione di graduatorie.
Il Consiglio di Stato con provvedimento 953 del 2016 ha espresso e ricordato anche alcuni importanti principi in materia di giurisdizione in tema di impugnazione di graduatorie.

Quella della giurisdizione è spesso una partita delicata, utilizzata a volte come “motivazione” per bloccare l'afflusso di ricorsi così detti seriali in determinati Tribunali, a volte, invece, è utilizzata come espediente semplicemente per non entrare nel merito di questioni a dir poco controverse. 
 
Con il provvedimento di cui alla premessa il Consiglio di Stato ricorda che:
  • le procedure relative alla formazione e all’aggiornamento delle graduatorie non sono procedure concorsuali, onde non può ritenersi la giurisdizione del giudice amministrativo ai sensi dell’articolo 63 del d.lgs. n. 165/2001;
  • trattasi di atti che non possono che restare ricompresi tra le determinazioni assunte con la capacità ed i poteri del datore di lavoro privato ex art. 5, comma 2, del richiamato decreto legislativo, a fronte dei quali sussistono solo posizioni di diritto soggettivo, poiché le pretesa consiste solo nella conformità o difformità a legge degli atti inerenti al rapporto già instaurato e, dunque, di gestione della graduatoria;
  • diversa è la fattispecie quando oggetto del giudizio sia la regolamentazione stessa della graduatoria, in quanto in tal caso è contestata la legittimità della regolamentazione con disposizioni generali al fine di ottenere l’annullamento di tale regolamentazione; pertanto, la giurisdizione del giudice ordinario è recessiva nel caso di impugnazione di atti organizzativi a contenuto generale con cui le pubbliche amministrazioni definiscono le linee fondamentali di organizzazione degli uffici; di conseguenza, appartiene alla giurisdizione generale di legittimità del giudice amministrativo la controversia nella quale la contestazione investa direttamente il corretto esercizio del potere amministrativo mediante la deduzione della non conformità a legge degli atti normativi in senso lato, attraverso cui le p.a. definiscono le linee fondamentali della organizzazione; appartiene, invece, alla giurisdizione del giudice ordinario la contestazione che investa esclusivamente i singoli atti di conferimento degli incarichi.
Per concludere la giurisdizione è del giudice amministrativo quando è contestata la regolamentazione della graduatorie e se ne chiede dunque l’annullamento delle stesse. In tale situazione, pertanto, al fine della individuazione della giurisdizione, la graduatoria, non rileva come atto di gestione in sé ma come proiezione applicativa di un non corretto esercizio del potere di organizzazione, il quale rimane pur sempre l’oggetto del giudizio e della contestazione del privato (in tal senso sent. sez. III n.4485/2015).
 
E con riferimento alla vertenza di cui al pronunciamento rileva che “la stretta correlazione tra le domande azionate non consente una ripartizione della potestas iudicandi tra giudice ordinario e giudice amministrativo, essendo concentrata dinanzi a quest’ultimo la tutela invocata da parte ricorrente” ( sent. n. 4485/2015 del 24-9-2015) ed affermandosi, altresì, che nella specie sono comunque rilevabili “contestazioni che investano direttamente il potere governativo o ministeriale, ovvero la potestà di emanare atti amministrativi generali di natura non regolamentare”, atteso che “nella situazione in esame si censurano infatti non le modalità di valutazione delle singole posizioni soggettive, ma in via principale le determinazioni espresse dal MIUR nel decreto n. 235 in data 1 aprile 2014 (aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento per il triennio 2014-2017), per profili organizzativi di carattere generale, inerenti a titoli che, ad avviso degli appellanti, consentirebbero una parziale riapertura delle graduatorie stesse” (ordinanza n. 364/2016 del 29-1-2016).

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese