Impronte digitali o verifica iride solo per dirigenti. Esclusi docenti ed ATA. Provvedimento va in aula

Stampa

Approvato dalla commissione Lavoro al Senato il ddl Concretezza. Il testo mantiene i provvedimenti sulle impronte digitali come già annunciato dalla nostra redazione.

Sì per dirigenti, no per docenti

Impronte digitali o verifica dell’iride, al posto del cartellino, per accertare gli ingressi a lavoro. Nel testo per ora c’è solo il principio, la realizzazione del meccanismo è demandata a un successivo decreto.

C’è poi da dire che alcune categorie sono escluse (forze dell’ordine, magistratura, prefetti). E per la scuola vigeranno regole ad hoc.

Nessun controllo per i docenti, già sottoposti al registro elettronico, mentre per i presidi una qualche forma di vigilanza dovrà essere trovata.

Sì a videosorveglianza

Inoltre, insieme alla verifica cosiddetta “biometrica”, in contemporanea e non in alternativa, il ddl prevede il ricorso alla video-sorveglianza.

Ci sarà un decreto ad hoc

Per dirigenti ed AFAM sarà un decreto ad hoc di MIUR e Funzione pubblica a decidere le modalità di verifica delle presenze.

Da quanto risulta alla nostra redazione, in aula il testo, già in terza lettura, non dovrebbe subire modifiche.

Stampa

Come fare educazione civica Digitale: dagli ambienti digitali alle fake news, dal Sexting alla netiquette. Corso con iscrizione e fruizione gratuite