Immissioni in ruolo. Gli studenti scrivono una petizione per restare con la loro docente, mentre continuano le proteste

WhatsApp
Telegram

Gli studenti di un istituto di Cagliari hanno scritto una petizione, perché vogliono che la loro professoressa di Lettere sia assunta a tempo indeterminato e rimanga con loro., quasi a voler sottolineare che anche i ragazzi vogliono restare con i loro professori. 

Gli studenti di un istituto di Cagliari hanno scritto una petizione, perché vogliono che la loro professoressa di Lettere sia assunta a tempo indeterminato e rimanga con loro., quasi a voler sottolineare che anche i ragazzi vogliono restare con i loro professori. 

La professoressa in questione, scrivono i ragazzi,  "ha facilitato il rapporto tra i compagni, si è impegnata con loro perché facessero degli argomenti diversi dal solito, li ha supportati spronandoli anche nelle altre materie, si è resa disponibile per rivedere sempre i programmi e li ha incoraggiati." 
Con la professoressa i ragazzi "hanno fatto dei video sul razzismo e sull'omofobia, hanno affrontato il tema delle foibe e del genocidio armeno". 

Intanto continuano le mobilitazioni dei docenti sardi contro il piano di immissioni nazionale, proprio per non partire e non lasciare i loro incarichi in terra sarda.

Infatti questa mattina al Poetto, è stato organizzato un falsh mob degli insegnanti sardi che non vogliono emigrare. Professori e maestri si sono schierati in riva al mare con la sveglia al collo, le magliette bianche e i trolley, quasi un marchio di fabbrica della protesta del comitato "Valigie del 10 agosto". Hanno anche scritto un messaggio in una bottiglia bottiglia, che è stato poi affidato al mare, per il ministro Stefania Giannini.

Anche in Liguria sono stati pochi i docenti che hanno mandato la lettera di assunzione: solo 738 docenti,penultimo posto dopo il Molise con 711 richieste e a grande distanza dalle regioni del sud, come Campania e Sicilia, dove ne sono arrivate più di 11mila. 

"Secondo le stime almeno 1 su 5 ha rifiutato di presentare la domanda- spiega Claudio Croci , segretario generale FLc Cgil Liguria – I posti nella nostra regione sono limitati ma servirebbe un'analisi dettagliata, una cartina di tornasole per sapere le cattedre realmente disponibili. L'ufficio scolastico provinciale ha iniziato nei giorni scorsi le prime nomine per il turnover. Docenti che entreranno in servizio il 1 settembre e per la scuola primaria a Genova, mancano 89 insegnanti di sostegno".

"Non siamo contrari a nuove assunzioni, sia chiaro – continua Claudio Croci – Ma è il metodo che va rivisto. Non si può parlare di stabilizzazione dei precari quando sono i primi a essere esclusi. Tra questi tutti gli abilitati con TFA, Pas, Laurea in Scienze della Formazione Primaria all'estero e laurea magistrale. Senza contare che sta già partendo una valanga di ricorsi. Ci sarà un motivo se un articolo della legge prevede una copertura da 10 milioni di euro da destinare alle cause legali?".
La mobilitazione non si ferma."Il primo appuntamento sarà a Bologna – dice Matteo Viviano, presidente comitato per la Lip Liguria – E poi ci sposteremo qui . Sarà un altro autunno caldo".

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso Orizzonte Scuola: aggiunte nuove simulazioni di prova orale da scaricare. Simulatore EDISES per la prova scritta. Solo 150 EURO