Immissioni in ruolo su posti provvisori, nomine giuridiche, mobilità straordinaria docenti di ruolo: tutti gli scenari

di Lalla
ipsef

Il DDL deve ancora prendere forma, ma portare in cattedra dal 1° settembre 2015 100.701 nuovi docenti con contratti a tempo indeterminato, gestire i sovrannumerari, eventuali assegnazioni provvisorie, e se dovessero essere approvati gli emendamenti a favore, anche una nuova mobilità territoriale e professionale per i docenti di ruolo, dal punto di vista amministrativo non sarà semplice.

Il DDL deve ancora prendere forma, ma portare in cattedra dal 1° settembre 2015 100.701 nuovi docenti con contratti a tempo indeterminato, gestire i sovrannumerari, eventuali assegnazioni provvisorie, e se dovessero essere approvati gli emendamenti a favore, anche una nuova mobilità territoriale e professionale per i docenti di ruolo, dal punto di vista amministrativo non sarà semplice.

Il Ministro Giannini e il sottosegretario Faraone rassicurano sulla fattibilità del piano

Giannini, "non ci saranno presidi dittatori. Precari saranno assunti dal 1 settembre, non è necessario decreto"

DDL scuola veloce, approvazione a giugno. Faraone: stiamo modificando il testo

Tra gli emendamenti proposti quelli relativi alla mobilità straordinaria dei docenti di ruolo. Quello della Lega è noto, e prevede un piano straordinario di mobilità territoriale e professionale per l'anno scolastico 2015/2016, per chi ha superato l'anno di prova entro il 31 agosto 2014, prima delle immissioni in ruolo. Esso riguarderebbe la copertura dei posti vacanti e disponibili negli organici dell'autonomia determinati entro il 30 maggio 2015 per posti comuni e per quelli di sostegno.

Si consideri che l'ultimo movimento per la scuola secondaria di II grado è atteso per il 16 giugno (tutte le date), quindi solo successivamente si dovrebbero riaprire i termini per le nuove richieste di mobilità.

Anche il PD ha presentato su questo argomento un emendamento, ancora non disponibile. Secondo indiscrezioni però esso assegnerebbe ai nuovi assunti nell'a.s. 2015/16 solo una sede provvisoria e rimanderebbe la mobilità straordinaria (su tutti i posti dell'organico di autonomia) all'anno successivo. Probabilmente con una deroga all'inserimento negli albi territoriali. Tutto da chiarire.

Poniamo però che la mobilità straordinaria si realizzi nei prossimi mesi. Essa dovrà in ogni caso precedere le eventuali utilizzazioni e assegnazioni provvisorie (il cui iter è avvolto nel più assoluto mistero).

E dunque, in meno di due mesi si dovrebbe realizzare
1) un piano straordinario di mobilità
2) utilizzazioni e assegnazioni provvisorie (queste ultime magari potrebbe essere ridotte se si realizza il n. 1)
2) piano straordinario di 100.701 assunzioni

La sovrapposizione di tali procedure porta ancora una volta a far pensare che le immissioni in ruolo potranno essere realizzate in buona parte con contratti di nomina giuridica dal 1° settembre 2014 ed economica dal 1° settembre 2015, affidandosi anche per l'a.s. 2015/16 al sistema delle supplenze. Una modalità che è stata prassi finora con numeri molto più bassi (circa 29.000 immissioni in ruolo per l'a.s. 2014/15 sono state gestite tra il 7 agosto e dicembre 2014) e che quindi potrebbe essere accreditata anche per il prossimo anno.

Questo d'altronde non farebbe venir meno i diritti degli assunti, e forse permetterebbe di realizzare anche le richieste dei docenti di ruolo per un piano straordinario di mobilità. L'alternativa potrebbe essere di scontentare una delle parti in gioco, ma il fatto che ciò debba avvenire solo per tempi burocratici (ferma restando l'approvazione dell'emendamento pro mobilità straordinaria) lascia il sospetto su quanto tutto il DDL sia stato pensato a fondo.

Versione stampabile
anief
soloformazione