Immissioni in ruolo: nuova tempistica, procedura, come ci si candida, quanto varranno le esperienze personali

di Nino Sabella
ipsef

item-thumbnail

Le immissioni in ruolo, secondo la tempistica dettata dal Miur, dovrebbero concludersi oggi 7 agosto, sebbene qualche UST potrebbe andare oltre per le assunzioni dei docenti iscritti nelle GaE.

Contemporaneamente  alle operazioni di immissione, sono state avviate quelle relative alla chiamata per competenze.

Ricordiamo le operazioni che i neo assunti devono svolgere e la relativa tempistica.

Evidenziamo che il Miur ha modificato, tramite un avviso sul SIDI, la tempistica comunicata con la nota del 27 luglio 2017.

Alla luce del predetto avviso, la nuova tempistica prevede:

  1. assegnazione ambiti di titolarità agli immessi in ruolo: dal 28 luglio al 7 agosto;
  2. assegnazione sede di incarico triennale agli immessi in ruolo beneficiari della Legge 104/92: dal 28 luglio al 7 agosto;
  3. inserimento CV immessi in ruolo, requisiti e scuola di partenza: dal 29 luglio ore 9.00 all’8 agosto ore 14.00;
  4. esame CV e requisiti da parte del dirigente scolastico: dall’8 agosto al 12 agosto ore 20.00;
  5. assegnazione incarichi agli immessi in ruolo: dal 9 agosto al 12 agosto ore 20.00;
    assegnazione incarichi da parte degli UU.SS.RR. agli immessi in ruolo: dal 17 agosto (gli elenchi di supporto saranno inviati il 16 agosto).

Le operazioni sopra riportate riguardano dirigenti scolastici e uffici del Miur, eccetto quella di cui al punto 3, che deve essere effettuata dai neo immessi in ruolo (più l’invio della candidatura alla/e scuola/e dell’ambito di titolarità che ha/hanno pubblicato gli avvisi).

I neo assunti, dunque, una volta che l’Ufficio li avrà inseriti a sistema, potranno procedere all’inserimento del CV, dei requisiti in loro possesso e della scuola di partenza.

La procedura (già pubblicata in un precedente articolo)

I requisiti da inserire, indicati nell’allegato A al CCNI sul passaggio da ambito a scuola dell’11 aprile 2017, sono distinti in titoli ed esperienze professionali:

Titoli

  1. Ulteriori titoli di studio coerenti con le competenze professionali specifiche richieste, di livello almeno pari a quello previsto per l’accesso all’insegnamento
  2. Ulteriore abilitazione all’insegnamento
  3. Possesso della specializzazione sul sostegno (non per i posti sul sostegno)
  4. Dottorato di ricerca coerente con le competenze professionali specifiche richieste
  5. Specializzazione in italiano L2, di cui all’art. 2 del D.M. 92/2016
  6. Certificazioni linguistiche pari almeno al livello B2, rilasciate dagli Enti ricompresi nell’elenco di cui al D.M. 2 marzo 2012, n. 3889
  7. Master universitari di I^ e II^ livello (specificare le competenze in uscita coerenti con le competenze professionali specifiche richieste)
  8. Pubblicazioni su tematiche coerenti con le competenze richieste

Esperienze professionali

  1. Insegnamento con metodologia CLIL
  2. Esperienza di insegnamento all’estero
  3. Partecipazione a progetti di scambio con l’estero e/o a programmi comunitari
  4. Esperienza in progetti di innovazione didattica e/o didattica multimediale
  5. Esperienza in progetti e in attività di insegnamento relativamente a percorsi di integrazione/inclusione
  6. Tutor per alternanza scuola/lavoro
  7. Animatore digitale
  8. Attività di tutor anno di prova
  9. Referente/coordinatore orientamento e/o valutazione
  10. Referente per progetti in rete con altre scuole o con istituzioni esterne

I docenti inseriscono, scegliendo tra quelli sopra riportati, titoli ed esperienze in loro possesso.

I docenti, sempre tramite la succitata funzione, inseriscono il proprio curriculum vitae, che deve essere in formato PDF e di dimensioni non superiori a ad 1 Mb, e indicano la scuola di partenza.

L’indicazione della scuola di partenza va effettuata in quanto il docente, nel caso in cui non riceva o non accetti alcuna proposta di incarico, verrà assegnato ad una scuola dell’ambito, da parte dell”USR, partendo proprio da quella indicata su Istanze Online (cioè si inizierà a cercare un posto disponibile dalla scuola indicata dal docente e poi si procederà per viciniori età; se il docente non indica alcuna scuola, l’USR partirà dalla scuola capofila di ambito).

Candiatura

L’operazione di inserimento dei requisiti, del CV e della scuola di partenza è propedeutica alla candidatura in una o più scuole dell’ambito, che hanno pubblicato avvisi relativi allo stesso posto/classe di concorso del docente.

Effettuata, dunque, l’operazione di cui sopra il docente può presentare la propria candidatura in una o più scuole dell’ambito, anche in assenza dei requisiti previsti dall’avviso pubblicato da ciascuna scuola.

La candidatura va inviata agli indirizzi e-mail istituzionali indicati negli avvisi delle istituzioni scolastiche, fornendo, oltre alla propria disponibilità, i propri recapiti.

La candidatura va inviata nello stesso arco di tempo di inserimento dei requisiti, del CV e della scuola di partenza (29 luglio – 8 agosto), considerato che dal 9 agosto i dirigenti dovranno procedere a formulare le proposte di incarico.

Versione stampabile
anief
soloformazione