Immissioni in ruolo. Non tutte le 52.000 cattedre saranno assegnate

di Giulia Boffa
ipsef

item-thumbnail

Entro Ferragosto saranno assunti 52 mila docenti, secondo quanto annunciato dalla ministra Fedeli.

Per la scuola dell’infanzia i posti sono 3.871 posti: 2.529 comuni e 1.342 di sostegno. Alla primaria le assunzioni saranno 10.376, di cui 5.482 sui posti comuni e 4.894 sul sostegno. Alle medie sono disponibili 13.356 posti comuni e 5.720 di sostegno per un totale di 19.076 assunzioni. I restanti 18.677 posti sono per le superiori, ma occorre aspettare gli esiti della mobilità il prossimo 21 luglio per essere sicuri sui numeri.

Tutti i neoassunti dovranno scegliere l’ambito di destinazione entro la prima quindicina del mese, firmeranno il contratto dal 1 settembre e prenderanno servizio nella scuola assegnata in seguito alla chiamata diretta.

La ministra ha precisato che i 52 mila posti di ruolo sono la somma dei 21 mila pensionamenti, cioè il normale turnover che da solo rappresenta la metà delle assunzioni, e dei 16mila posti ancora vacanti disponibili nell’organico di diritto. A questi vanno aggiunti altri 15.100 posti di organico di fatto trasformati in organico di diritto dopo l’accordo del 9 maggio scorso.

L’ultima manovra prevedeva in origine 25 mila posti in più, indicati dal Miur come obiettivo perseguibile a fronte delle risorse disponibili, ma poi sono stati ridotti di un terzo, anche se in un primo momento si era detto disponibile per soli 9.600 posti. Si tratta, dunque, di 15.100 stabilizzazioni.

Il 50% delle assunzioni avviene attingendo dalle graduatorie dei concorsi banditi nel 2016 e il restante 50% dalle graduatorie ad esaurimento. Molte Gae sono già esaurite, quindi le assunzioni avverranno solo da graduatorie del concorso, come da noi già anticipato.

Le cattedre rimarranno vuote, soprattutto in matematica alle medie, strumento musicale, tecnologia, spagnolo e alcuni insegnamenti tecnico pratici. Anche per italiano per gli studenti stranieri ci saranno poche immissioni: secondo i dati Miur nel 2017/18 alle medie ci sono appena 229 posti liberi in tutta Italia, di cui 10 a Roma, 19 a Milano, 20 in tutta la Sicilia.

Immissioni in ruolo, mancano docenti di matematica, spagnolo e tecnologia. Anief: blocco GaE ha aggravato situazione   

 

Versione stampabile
anief
soloformazione