Immissioni in ruolo. Miur: calcolo recupero posti concorso

Di
WhatsApp
Telegram

redazione – Immissioni in ruolo 2014/15: finalmente Miur spiega con un comunicato le modalità di recupero dei posti per le immissioni in ruolo fra Graduatorie del concorso e graduatorie ad esaurimento.

redazione – Immissioni in ruolo 2014/15: finalmente Miur spiega con un comunicato le modalità di recupero dei posti per le immissioni in ruolo fra Graduatorie del concorso e graduatorie ad esaurimento.

Lo ha fatto inviando una nota agli Uffici Scolastici Regionali di Calabria, Lazio, Sicilia, Toscana e Veneto (cioè le regioni interessate) per chiarire le modalità di recupero dei posti assegnati nel 2013/14 alle Graduatorie ad esaurimento perché le graduatorie del concorso 2012 non erano state pubblicate entro il 31 agosto 2013 e le graduatorie dei concorsi precedenti risultavano esaurite.

Il recupero dei posti per le assunzioni – precisa il Miur – è previsto dall’articolo 399 del Testo Unico sulla scuola.

Il Miur esemplica: se lo scorso anno i posti disponibili per le immissioni in ruolo in una specifica classe di concorso erano 100 e sono andati tutti alle Graduatorie ad esaurimento e quest’anno ce ne sono 150, il calcolo da effettuare sarà il seguente:

Segui su Facebook le news della scuola

Graduatoria del concorso 2012 (GM): (150/2) + 50 = 125

Graduatorie ad esaurimento (GaE): (150/2) – 50 = 25

Nella nota viene anche indicato come operare il recupero quando il numero dei posti messi a bando nel concorso 2012 sia inferiore alla quota dei posti riservati al concorso nell’anno scolastico 2013-2014.

In questo modo – conclude il Miur – si rispetta il criterio del 50% di contingente da assegnare ad ognuno dei due canali di reclutamento.

Nella tabella di OrizzonteScuola.it le ripartizioni dei posti tra graduatorie del concorso e graduatorie ad esaurimento già disposte dagli Uffici Scolastici. 

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito