Immissioni in ruolo, il Ministero chiarisce: le domande cartacee non partecipano al piano

WhatsApp
Telegram

Il Ministero dell'istruzione emana un Avviso con il quale ribadisce l'irrecivilità delle domande cartacee ai fini della partecipazione al piano straordinario di immissioni in ruolo.

Il Ministero dell'istruzione emana un Avviso con il quale ribadisce l'irrecivilità delle domande cartacee ai fini della partecipazione al piano straordinario di immissioni in ruolo.

Il Miur fa infatti riferimento all'avviso pubblicato in Gazzetta Ufficiale, in esecuzione della disposizione di cui al comma 103 della legge n. 107/2015, a norma delle quale quale viene disciplinato i termini e le modalità per le comunicazioni con i soggetti di cui al comma 96, incluse le domande di assunzione e l'espressione delle preferenze, la proposta di assuzione, l'accettazione e la rinuncia.

Una circostanza che comunque era già chiara a chi ha presentato domanda cartacea, presupposto ineludibile per la prosecuzione di un eventuale ricorso a seguito di un respingimento della richiesta da parte del Miur. Scarica la nota

Ne avevamo già ampiamente parlato nei nostri articoli

Assunzioni. Domande cartacee non partecipano a piano straordinario

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria, EUROSOFIA: Il 3 febbraio non perderti il webinar gratuito a cura della Prof.ssa Maria Grazia Corrao