Immissioni in ruolo fase B e trasparenza. Gilda al Miur: pubblichi elenchi assunti e punteggi

WhatsApp
Telegram

Trasparenza è la richiesta al Miur da parte dei docenti precari e dei sindacati. Una selezione al buio, comunicata nottetempo.

Trasparenza è la richiesta al Miur da parte dei docenti precari e dei sindacati. Una selezione al buio, comunicata nottetempo.

Secondo la Gilda – ma il tal senso oggi si era espressa anche la FLC CGIL – si tratta di una grave mancanza di trasparenza daparte del Miur che nega così ai precari il diritto di verificare laprocedura di assegnazione dei posti”.

"Sorprende poi –aggiunge Di Meglio commentando i dati illustrati dal ministro Giannini in conferenza stampa – che, rispetto ai 16mila posti vacanti, siano state effettuate soltanto 9mila nomine. Del resto, damesi abbiamo rilevato che una parte dei posti sarebbe rimasta vacant eperché già a livello nazionale scarseggiavano i docenti di alcune classi di concorso, per esempio matematica e laboratori.

Non è vero, quindi, che la differenza tra i posti disponibili e le assunzioni sia da attribuire alla mancanza di domande”.

"Se si tiene conto chele due precedenti fasi del piano di immissioni in ruolo (0 e A) hannoriguardato le graduatorie locali, – conclude il coordinatore dellaGilda – è evidente che il numero di docenti costretti a spostarsinella fase B è abnorme e molto lontano da quel 10% profetizzato dal ministro"

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur