Immissioni in ruolo e problematiche Ata: impegno del Miur sulla risoluzione delle questioni

di Lalla
ipsef

red – Il 13 dicembre si è svolto al Miur un sit in organizzato dalla FLC CGIL per chiedere l’immissione in ruolo dei precari ATA su tutti i posti liberi e la cancellazione di tutte le norme che prevedono la riduzione dei diritti retributivi dei lavoratori. Una delegazione è stata ricevuta dal Sottosegretario Marco Rossi Doria.

red – Il 13 dicembre si è svolto al Miur un sit in organizzato dalla FLC CGIL per chiedere l’immissione in ruolo dei precari ATA su tutti i posti liberi e la cancellazione di tutte le norme che prevedono la riduzione dei diritti retributivi dei lavoratori. Una delegazione è stata ricevuta dal Sottosegretario Marco Rossi Doria.

dal comunicato FLC CGIL

La posizione della FLC CGIL

"E’ ora di dire basta con le discriminazioni e di procedere velocemente alla risoluzione della questione inidonei e delle immissioni in ruolo! Sono circa 5.500 i posti previsti per i ruoli ATA su cui chiediamo di poter procedere alla stabilizzazione su tutti i profili.

Peraltro, rimangono ancora aperti altri temi che potrebbero determinare un ulteriore taglio degli organici: il piano di dimensionamento e il transito degli inidonei . L’accordo Stato-Regioni sulla media regionale di 900 alunni non si è ancora concretizzato così come non si è ancora risolto il problema del transito dei docenti inidonei all’insegnamento. Su questi argomenti è urgente un intervento normativo del Governo che dia certezze alle Regioni sul dimensionamento ed eviti l’impiego degli inidonei nelle funzioni amministrative. L’urgenza è motivata dal fatto che senza questi provvedimenti, oltre alla mancata immissione in ruolo degli ATA, salterebbero ulteriori Dirigenze e Direzioni nelle scuole e si provocherebbe un nuovo taglio per gli assistenti e i collaboratori.

La FLC CGIL ha inoltre fatto presente che gli assistenti amministrativi che hanno svolto le funzioni di Direttori dei servizi non stanno ricevendo il giusto compenso a causa di un’arbitraria interpretazione delle norme da parte delle Ragionerie dello stato.

Come non vengono retribuiti per il dovuto i DSGA che svolgono la funzione di reggenti in altre scuole."

Gli impegni del MIUR

Il Sottosegretario Marco Rossi Doria ha assunto precisi impegni circa la soluzione delle questioni poste con urgenza dalla FLC CGIL.
Sia sul dimensionamento delle rete scolastica sia sulla grave questione degli idonei il MIUR si è impegnato a far approvare degli emendamenti nella legge di stabilità, ora in discussione in Senato.
Anche sulle indennità di funzioni superiori il Sottosegretario ha assicurato una chiarificazione di merito.
Infine, il MIUR ha accolto le nostre proteste relative alle molestie burocratiche, cui vengono sottoposte le segreterie, annunciando un ripensamento complessivo del funzionamento del MIUR che si converta in un sintonia con i tempi e le urgenze delle segreterie scolastiche.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare