Immissioni in ruolo: distribuzione per classe di concorso e provincia a luglio dopo trasferimenti docenti di ruolo. Prime anticipazioni

WhatsApp
Telegram

La notizia dell’approvazione del contingente per le immissioni in ruolo del 2017/18 non può che suscitare speranza tra i docenti inseriti nelle Graduatorie ad esaurimento e nelle graduatorie del concorso a cattedra 2016 (per quest’ultimo alcune graduatorie devono ancora essere pubblicate, ed è ancora irrisolto il problema degli inserimenti di vincitori e idonei delle prove suppletive).

Ma i conti esatti devono ancora essere fatti: non c’è infatti la distribuzione del contingente per ordine di scuola (sarà la volta buona per incrementare assunzioni per GaE infanzia?), per classe di concorso nella secondaria e per provincia.

Vero è che si conoscono i pensionamenti, circa 21.000 (elenchi pubblicati dagli Uffici Scolastici e domande presentate ) e il numero dei posti vuoti (16.000 rimasti dagli anni precedenti + i 15.100 posti derivanti dalla trasformazione dell’organico di fatto in diritto), ma un dato che condizionerà pesantemente la distribuzione dei ruoli sarà quello della mobilità dei docenti di ruolo.

Prima la mobilità, sul 40% dei posti disponibili (30% per i trasferimenti interprovinciali e 10% per i passaggi di cattedra e/o di ruolo), poi le assunzioni.

Ci saranno più posti al sud? Così dovrebbe essere, sulla base delle anticipazioni legate alla circolare sugli organici che dovrebbe essere emanata nei prossimi giorni

Immissioni in ruolo, più posti a Sud. Conterà anche la dispersione e il disagio, non soltanto il numero di alunni

Non concorda Salvo Intravai de La Repubblica che annuncia il solito “Ma il grosso sarà al Nord e per le migliaia di docenti meridionali “costretti” ad accettare una cattedra nelle regioni settentrionali attraverso il piano straordinario previsto dalla Buona scuola le speranze di un rapido ritorno a casa si affievoliscono”, anche se poi conclude ”

Ora, per coltivare qualche speranza in più, i docenti meridionali assunti al nord attendono di conoscere quanti dei 15mila e 100 posti stabilizzati andranno alle regioni meridionali. ”

Attendiamo quindi gli organici di diritto (saranno pronti nelle prossime settimane) e l’esito dei trasferimenti dei docenti di ruolo (il 20 luglio l’ultimo, quello dei docenti della scuola secondaria), per poter avere dati a disposizione per il conteggio dei posti utili per le immissioni in ruolo.

Immissioni in ruolo 2017: saranno 52.000, accordo Miur – MEF per 15.100 nuovi posti in organico di diritto

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso Orizzonte Scuola: aggiornato con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO