Immissioni in ruolo: cosa accadrà alle GaE? On Petraglia chiede più assunti nel sostegno e PAS

WhatsApp
Telegram

La Senatrice Petraglia ha inviato alla nostra redazione il testo di una interrogazione parlamentare con la quale si chiede al Ministero come intende fare relativamente alle GaE e se non ritiene opportuno aumentare il numero di assunti sul sostegno

La Senatrice Petraglia ha inviato alla nostra redazione il testo di una interrogazione parlamentare con la quale si chiede al Ministero come intende fare relativamente alle GaE e se non ritiene opportuno aumentare il numero di assunti sul sostegno Il Comunicato

"Nonostante i grandi annunci e la vertiginosa corsa estiva per l'approvazione della Legge 107 cosiddetta buona scuola, i problemi che i nostri studenti vivono in questi giorni sono ancora tanti, uno tra tutti quello della mancanza di docenti, infatti tante sono le cattedre di sostegno scoperte e nella scuola primaria e nella scuola dell'infanzia non si possono nominare i supplenti il primo giorno di assenza del titolare per un assurdo divieto della Legge di Stabilità 2015 ". Ad affermarlo è la Senatrice di SEL Alessia Petraglia, prima firmataria di due interrogazioni che oltre a sollevare questi problemi, chiedono al Ministro di risolvere quanto prima la questione dei docenti di III fascia che si sono abilitati con riserva per effetto delle varie ordinanze cautelari rese dal Consiglio di Stato sui ricorsi in appello promossi in seguito all'esclusione dai percorsi abilitanti speciali (PAS). "Oltretutto"- continua la Sen. Petraglia- "sono tante le graduatorie esaurite e sono altrettanto tanti i docenti non abilitati che stanno lavorando che necessitano di un PAS per poter accedere ad un futuro concorso riservato solo agli abilitati, così come si vocifera. Inoltre sono tanti docenti che hanno conseguito la laurea in Scienze della Formazione Primaria che rimane, tutt’ora, il percorso formativo maestro, ma che sono rimasti esclusi dalle fasi di assunzioni previste dalla Legge 107. Si era detto che si sarebbero risolte tante questioni annose, ma per effetto della Legge 107 il precariato continua ad aumentare e le certezze del personale docente diminuiscono.

Interrogazione a risposta in commissione

Al Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca

Premesso che,

il decreto del direttore generale del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca n. 767 del 17 luglio 2015 ha fornito le indicazioni per la presentazione della domanda di partecipazione alle fasi b) e c) del piano straordinario di assunzioni previsto dalla legge n. 107 del 2015. Sulla Gazzetta Ufficiale IV serie speciale "Concorsi ed Esami" del 21 luglio 2015 è stato pubblicato il relativo avviso che ha valore di notifica a tutti gli effetti;

ad oggi un altissimo numero di cattedre sul sostegno risultano scoperte.

La fase C riguarda l'assunzione di docenti in organico di potenziamento e alla primaria, in particolare, potranno essere assunti docenti provenienti da qualsiasi ordine e grado e, dunque, non necessariamente in possesso dell’abilitazione per l’insegnamento di materie come inglese, musica e motoria.

 

Considerato che

i laureati in Scienze della Formazione Primaria, in ragione della loro formazione universitaria, possiedono le necessarie competenze disciplinari e le indispensabili conoscenze psico-pedagogico e didattiche per operare nel miglior modo possibile con la fascia d’età tre-dieci anni; come evidenziano le neuroscienze, il funzionamento cognitivo e sociale dell’alunno durante l’infanzia è ben diverso da quello del preadolescente e dell’adolescente.

La laurea in Scienze della Formazione Primaria rimane, tutt’ora, il percorso formativo maestro, abilitando all’insegnamento di tutte le discipline nella scuola primaria e dell’infanzia (DM Miur 6 maggio 1998). 

nella fase b) sono stati attribuiti i posti residui delle fasi precedenti che hanno avuto carattere nazionale e quelli che non hanno trovato posto nella fase b) verranno assegnati all'organico aggiuntivo delle varie province a livello nazionale (sempre in base alla stessa domanda) ed assunti nella fase c);

Ritenuto che

In virtù dell’iter formativo previsto dalla Laurea in Scienze della Formazione, secondo le vecchie regole di reclutamento, i docenti avrebbero dovuto partecipare a tutte le fasi di assunzioni previste dalla Legge 107, previa autorizzazione ad essere inseriti nelle GAE. 

Inserire docenti non formati specificamente per la scuola primaria, potrebbe essere una scelta pedagogicamente e didatticamente sbagliata oltre che un atteggiamento di scarsa attenzione nei confronti della scuola primaria

Si chiede di sapere

Se il Ministro in indirizzo non intenda adoperarsi celermente affinché siano assunte le diverse migliaia di docenti precari, abilitati e specializzati, per permettere, a tutti gli alunni diversamente abili, di godere dell’indispensabile diritto alla continuità didattica. Si chiede di sapere inoltre se il Ministro non voglia considerare di mantenere un percorso di reclutamento legato al mantenimento delle Graduatorie ad Esaurimento e quindi differente rispetto al concorso, per coloro i quali si sono laureati in Scienze della Formazione, in quanto questo percorso formativo permetteva direttamente l'assunzione a tempo indeterminato

Petraglia De Petris Barozzino Cervellini De Cristofaro Uras Stefano

__

Interrogazione a risposta in commissione

Al Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca

Premesso che,

lo scorso 24 marzo 2013, a seguito di un lungo iter, il Ministro Profumo ha firmato 3 provvedimenti ministeriali recanti disposizioni in materia di formazione iniziale degli insegnanti;

il primo modifica ed integra il decreto ministeriale n. 249 del 2010, istitutivo dei cosiddetti tirocini formativi attivi (Tfa) speciali con cui, oltre a prevedere nuovi criteri di programmazione del numero dei posti dei docenti abilitati necessari per il funzionamento del sistema formativo nazionale, ha affiancato al Tfa ordinario percorsi abilitanti riservati, successivamente definiti PAS, a docenti precari con particolari requisiti di servizio come misura transitoria limitata (docenti che abbiano maturato almeno 3 anni di servizio, incluso il sostegno, nelle scuole statali o paritarie o nella formazione professionale, solo per servizi corrispondenti a classi di concorso nei percorsi per l'assolvimento dell'obbligo a partire dal 2008/2009) dall'anno scolastico 1999/2000 all'anno scolastico 2011/2012 e successivamente esteso all'anno scolastico 2013/2014;

Considerato che,

Che vi sono centinaia di docenti esclusi, in primo luogo, dalla frequenza dei PAS (Percorsi Abilitanti Speciali), benché in possesso di un numero di giorni di servizio superiore ai 540 richiesti risultanti dal prodotto di 180×3.

Ritenuto che,

i suddetti docenti di III fascia si sono abilitati con riserva per effetto delle varie ordinanze cautelari rese dal Consiglio di Stato sui ricorsi in appello promossi in seguito all'esclusione dagli stessi docenti.

Ad oggi gli stessi non possono però far valere il titolo acquisito, perché devono affrontare il giudizio del TAR e forse quello del Consiglio di Stato, per la seconda volta. Alcune udienze sono state fissate ed altre no

si chiede di sapere

quali soluzioni il Ministro in indirizzo intenda intraprendere per garantire ai docenti nominati in precedenza il più celere passaggio in seconda fascia d'istituto, essendo bloccati in III fascia di istituto, al fine di lavorare con più continuità didattica. Si chiede di sapere inoltre se il Ministro non voglia attivare un nuovo corso abilitante speciale (PAS) per coloro i quali hanno maturato i 3 anni di servizio, al fine di tutelare gli stessi ai fini di un probabile concorso riservato solo per gli abilitati

Petraglia De Petris Barozzino Cervellini De Cristofaro Uras Stefano

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici, è in Gazzetta Ufficiale: preparati per le prove selettive. Il corso con 285 ore di lezione e migliaia di quiz per la preselettiva. A partire da 299 euro