Immissioni in ruolo, per aspiranti GM scelta ambito informatizzata. Rischio “algoritmo impazzito”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Le operazioni di immissioni in ruolo per l’anno scolastico 2017/18 sono ormai avviate, con le prime nomine dei docenti inseriti nelle graduatorie di merito del concorso a cattedra 2016.

Ciascun USR ha pubblicato le apposite indicazioni, relative a: data di convocazione, uffici che gestiscono le procedure concorsuali, delega a dirigenti uffici o persona di fiducia e a modalità di scelta dell’ambito.

Riguardo a quest’ultimo aspetto, arriva una denuncia dalla Gilda Nuoro, preoccupata che la procedura posta in essere dall’USR Sardegna divenga un “algoritmo in salsa sarda senza la consueta supervisione delle organizzazioni sindacali e soprattutto, senza alcuna garanzia che gli automatismi programmati non siano lesivi dei diritti dei singoli aspiranti.

Si tratta di una procedura informatizzata, secondo cui i candidati indicano su un modulo online le preferenze di ambito, sulla base delle quali l’Ufficio scolastico regionale assegnerà l’ambito territoriale di immissione in ruolo. Ciò, come si legge nelle istruzioni dell’USR,  per accelerare i tempi.

Il timore del sindacato è che, considerate le precedenti procedure informatiche, ci possano essere degli errori a tutto svantaggio degli aspiranti e dei loro diritti. A ciò si aggiunga il fatto, come sopra riportato, che le operazioni avverranno senza il supporto ai docenti da parte dei sindacati.

Immissioni in ruolo 2017/18: istruzioni, modello delega, calendari convocazioni, consulenza

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare