Immissioni in ruolo. Anche chi assiste un disabile dovrà emigrare, il dolore di una docente

WhatsApp
Telegram

Sul quotidiano Metro, l'intervento di una docente che sarà costretta ad emigrare a causa delle modalità di assunzione dei docenti.

Sul quotidiano Metro, l'intervento di una docente che sarà costretta ad emigrare a causa delle modalità di assunzione dei docenti.

La docente invoca i diritti della legge 104/1992 che garantiscono ai lavoratori che assistono un familiare in difficoltà la possibilità di scegliere, qualora possibile, la sede di lavoro più vicina.

Principio che, afferma la docente, non è un privilegio, ma un diritto sancito dalla Repubblica italiana.

Principio che non sarà preso in considerazione durante la discussa fase B del piano assunzionale. Così, docenti che da decenni lavorano in una determinata provincia, si troveranno catapultati lontano da casa anche a discapito di situazioni di difficoltà come la necessità di assistere un parente con handicap grave.

La docente, quindi si chiede se "chi ha ideato questo sistema di reclutamento ha tenuto conto delle drammatiche conseguenze per migliaia di docenti che assistono un familiare con handicap in situazione di gravità". Tutto l'articolo

Tutto sulle assunzioni

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur