Immissioni in ruolo 2016/17 infanzia: 12% da GM 2012 e 88% da GAE. Puglisi (PD), impegno per creare organico di potenziamento

di redazione
ipsef

Il comitato Tutela docenti precari GaE infanzia legge 296/2006 ha prodotto un testo in cui comunica l'esito di un incontro con la sen. Francesca Puglisi (PD) per le immissioni in ruolo 2016/17 dei docenti di scuola di infanzia. Riconosciuto l'errore di aver escluso infanzia dal piano straordinario di immissioni in ruolo 2015, la prossima estate sarà il momento di recuperare. Ecco come

Il comitato Tutela docenti precari GaE infanzia legge 296/2006 ha prodotto un testo in cui comunica l'esito di un incontro con la sen. Francesca Puglisi (PD) per le immissioni in ruolo 2016/17 dei docenti di scuola di infanzia. Riconosciuto l'errore di aver escluso infanzia dal piano straordinario di immissioni in ruolo 2015, la prossima estate sarà il momento di recuperare. Ecco come

Il comunicato

Ieri 22 giugno 2016 alle ore 11.30 in Via Staderari 4 a Roma, una delegazione del Comitato è stata ricevuta dalla senatrice Francesca Puglisi. L’ incontro serrato sincero, a volte acceso, è durato ben 90 minuti ed ha portato alla condivisione, da parte della senatrice, delle istanze proposte da lungo tempo dal Comitato.

Qui di seguito le proposte accettate e sulle quali la senatrice impegnerà il governo ed il MIUR.

1. Organico di potenziamento per la scuola dell’infanzia. La senatrice ha riconosciuto l’errore commesso dal governo che ha escluso la scuola dell’infanzia statale dal piano straordinario di assunzioni. Quindi sì al potenziamento in tempi brevi, ci stanno già lavorando. Ricordiamo qui che le scuole statali dell’infanzia sono all’oggi 13.424 ( dati Istat). Quindi basta un potenziatore per scuola sommato alle assunzioni sul turn over e le GaE infanzia risulterebbero praticamente svuotate.

2. Il potenziamento è attuabile aumentando le ore di compresenza dei docenti. Tale compresenza permetterà di venire incontro a tutte quelle situazioni critiche nelle quali i numeri di alunni sono molto alti, presentano bisogni educativi speciali, favorirà il lavoro in piccoli gruppi, eviterà lo scempio della continua divisione delle sezioni in caso di assenza dei docenti. Questo porterà ad alzare ancora la qualità della scuola dell’infanzia statale.

3. Assunzioni a.s. 2016/2017. Avverranno in questo modo sul contingente disponibile il cui dato non è ancora del tutto definitivo. 12% da GM 2012 ( dato fornito dal MIUR alla stessa senatrice il giorno 21 giugno) e 88% da GAE visto che la nuova procedura concorsuale NON sarà terminata in tempi utili. Dall’anno scolastico 2017/2018 le assunzioni avverranno secondo TU al 50% da GM e 50% da GaE. La senatrice Puglisi ha qui ribadito come la salvaguardia delle GM 2012 non la avesse trovata in accordo, visto il mancato potenziamento della scuola dell’infanzia, e come ciò invece le sia stato imposto per un senso di equità rispetto alle altre GM 2012 ormai vuote.

4. La scuola dell’infanzia è scuola, blindata dalle Indicazioni Nazionali per il curricolo 2012, resterà negli Istituti Comprensivi. A supporto di questa sua affermazione la senatrice ha ricordato la predisposizione del RAV anche per la scuola dell’infanzia statale e che non avrebbe avuto senso se l ’intenzione fosse stata quella di scorporare l’infanzia dagli Istituti Comprensivi.

5. Restano nettamente distinti i ruoli tra educatori e docenti. Come richiesto da più soggetti anche istituzionali e non soltanto dal Comitato, tale distinzione sarà pubblicamente esplicitata per redimere ogni dubbio interpretativo.

6. Le sezioni primavera sono lo strumento per cancellare l’anticipo alla scuola dell’infanzia. Quelle esistenti resteranno a regime comunale o paritario. Quelle di nuova costituzione potranno essere aggregate nelle strutture fisiche delle scuole dell’infanzia statali soltanto qualora ci fossero le condizioni. I docenti presenti nelle GaE potranno scegliere di essere assunti nelle sezioni primavera restando a tutti gli effetti DOCENTI ALLE DIPENDENZE DEL MIUR E PER I QUALI VALE IL CCNL 2006/2009.

7. 30% di contributo delle famiglie al funzionamento della scuola dell’infanzia vale soltanto per paritarie e private.

8. Diplomati magistrali. Ha accettato la proposta dell’inserimento in IV° fascia e la sottoporrà a brevissimo ai tecnici del MIUR. Altra soluzione accolta è la revisione del punteggio del diploma per chi è nelle Graduatorie ad esaurimento e le assunzioni dalle stesse cristallizzate alla data della pubblicazione della legge 107. Rettifica del Comitato 

9. Tempi di attuazione del tutto. La senatrice Puglisi ha ribadito la volontà del governo ad approvare il tutto prima di settembre propria in vista di un avvio dell’anno scolastico il più sereno possibile.

Il COMITATO TUTELA DOCENTI PRECARI GAE INFANZIA LEGGE 296/2006 ringrazia pubblicamente la senatrice Francesca Puglisi per l’incontro di ieri e cogliamo il suo invito a condividere pubblicamente quanto ieri è stato accettato e sul quale impegnerà il governo ed il MIUR .

Ringrazia tutte le docenti delle GaE infanzia, le docenti di ruolo, i soggetti istituzionali che hanno creduto in noi , nel valore della scuola dell’infanzia statale SENZA compromessi al ribasso.

Ricordiamo comunque che tutti insieme continueremo a vigilare sulla realizzazione in tempi brevi di quanto su esposto e dal quale dipende la nostra vita lavorativa futura e l’innalzamento della qualità dell’offerta formativa nella scuola dell’infanzia statale.

Il Comitato resta sempre disponibile ad un dialogo fruttuoso e costruttivo come quello di ieri e si augura che questo sia solo l’inizio di un ascolto che fino all’altro giorno ci era stato negato.

Grazie ancora senatrice Francesca Puglisi e buon lavoro.

La delegazione del COMITATO TUTELA DOCENTI PRECARI GAE INFANZIA

Alessia Grosso ( docente precaria GaE)

Alessandra Michieletto ( docente precaria GaE)

Elvira de Santis ( docente precaria GaE)

Melinda Tinè ( docente precaria GaE)

Marina Castelli ( docente di ruolo)

Versione stampabile
anief anief
soloformazione