Immissioni in ruolo 2015 nelle statali. -50% di docenti nelle paritarie?

WhatsApp
Telegram

Le immissioni in ruolo proposte dal Governo Renzi potrebbero svuotare del 40-50% il corpo insegnanti delle scuole paritarie? E’ quanto si chiede Maria Grazia Colombo, dell’Esecutivo nazionale Agesc in una lettera all’Avvenire.

Le immissioni in ruolo proposte dal Governo Renzi potrebbero svuotare del 40-50% il corpo insegnanti delle scuole paritarie? E’ quanto si chiede Maria Grazia Colombo, dell’Esecutivo nazionale Agesc in una lettera all’Avvenire.

Secondo quanto indicato nella lettera, molti insegnanti attualmente in organico nelle scuole paritarie accetterebbero l’immissione in ruolo nella statale non per scelta, ma per convenienza, anzi per "fame". Il certo al posto dell’incerto, dato che le scuole non statali in questo periodo risentono fortemente della crisi economica. 

Le scuole paritarie – continua l’Agesc – soffrono di una discriminazione, alla quale può porre rimedio solo il riequilibrio delle risorse finanziarie.

Segui su Facebook le news della scuola e partecipa alle conversazioni. Siamo in 141mila

Le scuole paritarie sono il 24% del sistema di istruzione nazionale, accolgono il 12% dela popolazione scolastica, ma ricevono l’1% dei fondi.

Ma torniamo agli insegnanti. Secondo le stime del Ministero, negli ultimi 3 anni 43 mila iscritti non hanno avuto nè supplenze annuali (31 agosto o 30 giugno), nè supplenze brevi nelle scuole statali. Tra questi ci sarà anche chi non è interessato a lavorare nella scuola, pur trovandosi ancora in graduatoria, ma ci sono anche coloro che lavorano nelle scuole non statali.

Potremo conoscere con esattezza i numeri quando sarà avviato il censimento, previsto entro dicembre, per programmare le immissioni in ruolo 2015. Immissioni in ruolo 2015. Proposto censimento entro dicembre 2014 per dire sì all’assunzione

Il censimento è atteso dunque anche dalle scuole paritarie, poichè dalla scelta degli insegnanti dipenderanno anche i loro organici e di conseguenza l’offerta formativa da offrire alle famiglie per il prossimo anno scolastico.

La lettera di Maria Grazia Colombo AGESC sull’Avvenire

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur