Immissioni in ruolo su base nazionale anche quest’anno. Lettera

Stampa

Maria Vincitorio – Spett.le OrizzonteScuola, sono una docente pugliese della scuola primaria che lo scorso giugno scorso si è specializzata sul sostegno presso l’Università degli studi di Padova con tante difficoltà e tanti sacrifici.

Sono a pieno titolo nelle gae di Massa Carrara non perchè ci vivo ma perchè facendo mille calcoli era risultata una delle province in cui poter entrare prima in ruolo.

Non ho mai preteso di avere il ruolo “a casa” e ho sempre pensato che “dovunque” me lo avessero dato sarei stata più che contenta.

Da pochi giorni l’Usp di Massa ha pubblicato le graduatorie ad esaurimento aggiornate e ripulite ed in queste ci sono solo 5 specializzate inclusa me. Pertanto ero molto fiduciosa nell’entrare in ruolo quest’anno.

Purtroppo però Ieri pomeriggio dopo la pubblicazione del file sui posti per l’immissione in ruolo suddivisi per contingente e per provincia ho scoperto che a Massa è stato destinato dal Miur soltanto 1 posto sul sostegno primaria. Pertanto io sono esclusa dall’immissione in ruolo in quanto risulto quinta in graduatoria.

E’ inutile dirvi la mia delusione e sconcerto. Anche l’anno scorso sarei già potuta entrare in ruolo con il piano straordinario ma mi è stato negato l’accesso perchè la mia sentenza per l’inserimento in gae è stata pubblicata il 3 agosto 2015, ripeto “pubblicata” perchè in realtà era stata già decisa in data 5 maggio 2015 e  pubblicata dopo 3 mesi!

Per questo ritardo di pubblicazione non ho avuto accesso al portale istanze on line, il quale era già chiuso a fine luglio,  e la mia domanda cartacea è stata respinta.  E ora l’ennesima beffa!

I 4.043 posti che il Miur ha riservato al sostegno primaria non andranno tutti in ruolo, in quanto alcune province hanno meno candidati rispetto ai posti stabiliti. Due esempi: alla provincia di  Vicenza sono stati assegnati 195 posti sul sostegno primaria e soltanto una trentina hanno il titolo di specializzazione; a Modena sono stati assegnati 28 posti e in graduatoria ad esaurimento ci sono solo 14 specializzati.

Questi sono solo una minima parte di esempi di posti che non verranno messi in ruolo e che saranno restituiti alle scuole per le graduatorie di istituto e tra questi solo pochi andranno a specializzati, la restante parte infatti andrà a docenti non specializzati sul sostegno.

Tutto ciò a discapito dei bambini che meritano e anzi hanno “il diritto”costituzionalmente garantito ad una istruzione di qualità.

Mi rivolgo a voi, quindi, affinchè possiate far presente questo tragico problema, il quale potrebbe essere risolto provvedendo a una ridistribuzione dei posti che non andranno a ruolo con assunzioni su fase nazionale così come è stata fatta per le graduatorie di merito 2012 infanzia, avviata poche settimane fa.

Stampa

Eurosofia. Acquisisci punteggio in tempi rapidi per l’aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora