Immissioni in ruolo, scadute alcune graduatorie del concorso 2016. La sorte degli idonei

Stampa

Gli idonei del concorso 2016, inseriti nelle relative GM o meglio elenchi aggiuntivi, pubblicati entro il 31 agosto 2016, non potranno partecipare alle immissioni in ruolo per l’a.s. 2022/23 da tali graduatorie. Vediamo perché.

Validità GM 2016

Sulle graduatorie di merito 2016 vi sono stati due diversi interventi legislativi, che ne hanno prorogato la validità “originaria” prevista dalla legge n. 107/2015, ai sensi della quale è stato bandito il relativo concorso.

L’articolo 1, comma 113, della legge 107/2015, ha disposto che le graduatorie di merito hanno validità triennale a decorrere dall’anno scolastico successivo a quello di approvazione delle stesse.

La legge n. 205/2017 (legge di bilancio 2018) ha poi prorogato di un anno la validità delle suddette graduatorie:

Le graduatorie del concorso di cui all’articolo 1, comma 114, della legge 13 luglio 2015, n. 107, conservano la loro validità per un ulteriore anno, successivo al triennio di cui all’articolo 400, comma 01, secondo periodo, del testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado, di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297.

Alla proroga succitata se ne è aggiunta un’altra di un ulteriore anno, disposta dall’articolo 1, comma 18, del DL 126/2019, convertito in legge n. 159/2019:

Le graduatorie di merito e gli elenchi aggiuntivi del concorso di cui all’articolo 1, comma 114, della legge 13 luglio 2015, n. 107, conservano la loro validità per un ulteriore anno, oltre al periodo  di cui all’articolo 1, comma 603, della legge 27 dicembre 2017, n. 205.

Alla luce dei sopra riportati interventi normativi, le graduatorie di  merito del concorso 2016 e i relativi elenchi di idonei hanno validità quinquennale a decorrere dall’anno scolastico successivo a quello di approvazione delle stesse:

  • 3 anni “ordinari” + 1 anno di proroga (legge bilancio 2018) + 1 anno di proroga (DL 126/2019).

Diritto vincitori all’assunzione

A prescindere dalla validità delle GM, sottolineiamo che resta fermo il diritto dei vincitori ad essere assunti, come disposto:

  • dal DL n. 87/2018, convertito in legge n. 96/2018 (articolo 4, comma 1-quater, lettera a), per la scuola dell’infanzia e primaria;
  • dall’articolo 3 del D.lgs. 59/2017, come modificato dall’articolo 1, comma 792, della legge n. 145/2018, per la scuola secondaria di primo e secondo grado.

La “scadenza” delle GM, dunque, “intacca” soltanto gli idonei.

Scadenza GM 2016 per idonei

Alla luce di quanto detto sopra, gli idonei del concorso 2016, i cui elenchi siano stati pubblicati entro il 31 agosto 2016, non potranno partecipare alle immissioni in ruolo a.s. 2022/23, in quanto gli stessi hanno la seguente validità:

  1. a.s. 2016/17;
  2. a.s. 2017/18;
  3. a.s. 2018/19;
  4. a.s. 2019/20;
  5. a.s. 2020/21.

Considerato, in definitiva, che la validità delle graduatorie/elenchi è quinquennale, a decorrere dall’anno scolastico successivo a quello di approvazione delle stesse, gli interessati hanno potuto partecipare alle assunzioni per il 2021/22, in quanto effettuate entro l’a.s. 2020/21 (per il 2021/22), ma non potranno partecipare a quelle del prossimo anno scolastico.

Evidenziamo che i docenti interessati, non solo gli idonei ma anche i vincitori, hanno avuto la possibilità di inserirsi nella fascia aggiuntiva delle GM 2018 che, essendo ad esaurimento, garantirà l’assunzione a tempo indeterminato.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione