Immissioni in ruolo: novità fascia aggiuntiva ai concorsi 2018. Sindacati convocati domani per le modalità

Stampa

Immissioni in ruolo: prosegue il lavoro del Ministero per definire criteri e modalità per l’anno scolastico 2020/21. Sindacati convocati domani in videoconferenza. 

Le immissioni in ruolo dell’anno scolastico 2020/21  si svolgeranno seguendo la modalità ordinaria di assegnazione del 50% ai posti dalle Graduatorie ad esaurimento e 50% ai concorsi.

Le novità delle immissioni in ruolo 2020/21

  1. la call veloce, per la quale il Ministero ha già pubblicato il decreto con le relative indicazioni, per cui i docenti di Gae e concorsi possono essere assunti in provincia/regione diversa dalla propria sui posti che eventualmente rimangono disponibili dopo le operazioni ordinarie
  2. la fascia aggiuntiva ai concorsi 2018.

Per concorsi 2018 si intende 

  • concorso infanzia e primaria, bandito con con DDG n. 1546 del 7 novembre 2018
  • concorso secondaria I e II grado bandito con DDG n. 85 del 1° febbraio 2018

I docenti inseriti nelle graduatorie e negli elenchi aggiuntivi del concorso ordinario 2016 potranno inserirsi, a domanda, in una fascia aggiuntiva ai rispettivi concorsi 2018 anche in altra regione, per aumentare le possibilità di immissione in ruolo.

L’inserimento interessa sia i posti comuni che di sostegno.

La norma è contenuta nel decreto legge n. 126/2019 convertito con modificazioni nella legge 20 dicembre 2019 n. 159, all’art. 1 comma 18-bis.

Le modifiche inserite nel Decreto Scuola di aprile

E’ stato il Decreto scuola approvato in Parlamento il 6 giugno e pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo stesso giorno a modificare il testo della legge precedente, limitando l’iscrizione ad un’altra unica regione.

Vincolo territoriale almeno 5 anni

Ricordiamo che per tutti i docenti neoassunti dal 1° settembre 2020 sarà applicato il vincolo territoriale di almeno cinque anni, per cui non sarà possibile richiedere trasferimento provinciale e/o interprovinciale;

Il blocco quinquennale non si applicherà solo in caso di soprannumerarietà o per i docenti che usufruiscono dell’articolo 33, commi 3 e 6, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, purché la certificazione della disabilità sia successiva alla data di iscrizione ai rispettivi bandi concorsuali ovvero all’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento.

Stampa

Concorso STEM. Minicorso di inglese e informatica, simulatori disciplinari consulenze Skype. Nuovi percorsi rapidi, mirati e intensivi