Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Immissioni in ruolo: non possono essere su cattedre in organico di fatto, ma solo in organico di diritto

Stampa

Le immissioni in ruolo possono essere disposte soltanto sulle cattedre che risultano vacanti in organico di diritto. Non è possibile utilizzare le cattedre disponibili in organico di fatto

Una lettrice ci scrive:

Sono una docente precaria prossima all’immissione in ruolo, essendo risultata in posizione utile nella graduatoria di merito (cdc A001) del concorso straordinario 2020. Dopo aver presentato la preferenza delle sedi nella provincia assegnatami, vorrei sapere se esiste la possibilità di essere immessi in ruolo su un posto in organico di fatto. Esistono infatti ben due cattedre disponibili nella mia classe di concorso su organico di fatto nel Comune in cui risiedo.

Le cattedre che possono essere utilizzate per le immissioni in ruolo sono esclusivamente quelle vacanti e disponibili nell’organico dell’autonomia, quindi sia in organico di diritto che di potenziamento.

Non è possibile, quindi,  l’immissione in ruolo su cattedre in organico di fatto , anche se risultano disponibili per l’intero anno scolastico

Organico di diritto e organico di fatto, quali differenze

L’organico di diritto viene determinato per ogni anno scolastico dall’Ufficio Scolastico Provinciale, tenendo conto del numero di classi autorizzate sulla base del numero degli alunni iscritti.

Una cattedra vacante nell’organico di diritto risulta disponibile per le immissioni in ruolo in quanto non è occupata da un docente titolare

L’organico di fatto è quello derivante dalle modifiche che l’organico di diritto può subire dopo la scadenza delle iscrizioni da parte degli studenti.

In organico di fatto si possono creare delle disponibilità che non rappresentano però, delle cattedre vacanti, in quanto occupate da docenti titolari che per un anno scolastico non prestano servizio nella scuola per diverse motivazioni (aspettativa, mandato politico, mobilità annuale, part-time), “liberando” la cattedra nella quale conservano comunque la titolarità. Si tratta, quindi di cattedre “occupate” e, come tali, non sono disponibili per le immissioni in ruolo

Conclusioni

La risposta che è possibile fornire alla nostra lettrice è quindi negativa.

Non potrà ottenere l’immissione in ruolo nelle sedi di suo interesse in quanto, come lei informa, sono  cattedre in organico di fatto, mentre l’assegnazione della sede di titolarità potrà essere fatta soltanto su cattedra vacante nell’organico dell’autonomia quindi di diritto o di potenziamento

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione