Immissioni in ruolo, niente call veloce per settembre

Stampa

Il Decreto Sostegni Bis sospende per il 2021/2022 la “call veloce” che permetteva al personale docente ed educativo di presentare domanda al fine dell’immissione in ruolo in territori diversi da quelli in cui sono inseriti nelle rispettive graduatorie, sui posti rimasti vacanti e disponibili dopo le operazioni di immissione in ruolo.

Sospesa la “call veloce” anche per i Dsga: con questa misura si permetteva a chi era inserito nella graduatoria del concorso Dsga di presentare istanza per i posti residuati in una o più regioni, nel limite delle facoltà assunzionali annualmente previste.

Per l’a.s. 2021/22, come leggiamo nel decreto sostegni-bis, la “chiamata veloce” non sarà applicata, al fine di garantire un regolare avvio dell’anno scolastico e concludere le relative operazioni entro il 31 agosto.

Così leggiamo nell’articolo 58, comma 2 – lettera b), del citato decreto:

2. Al fine di sostenere la regolare conclusione dell’anno scolastico e formativo 2020/2021 e di avviare l’anno successivo sono disposte le seguenti misure:

b) con riferimento alle operazioni di avvio dell’anno scolastico 2021/2022 non si applicano le disposizioni di cui all’articolo 1, commi da 17 a 17-septies del decreto-legge 29 ottobre 2019, n. 126, convertito con modificazioni dalla legge 20 dicembre 2019, n. 159 e le disposizioni di cui all’articolo 32 ter, commi 2, 3 e 4, del decreto legge 18 agosto 2020, n. 104, convertito con modificazioni dalla legge 13 ottobre 2020, n. 126;

Immissioni in ruolo docenti 2021, non ci sarà la call veloce sui posti vacanti. Lo scorso anno pochissime richieste

La “call veloce” era stata istituita con la legge n.159/2019.  Questo inedito meccanismo di assunzione in ruolo è inserito all’ articolo 1 commi da 17 a 17 septies del decreto legge 29 ottobre 2019 n 126 convertito con modificazioni dalla legge 20 dicembre 2019 n. 159; in concreto si tratta della procedura di chiamata per l’assunzione a tempo indeterminato di personale docente ed educativo sui posti che rimangono vacanti e disponibili in ciascun anno scolastico dopo le operazioni di assunzione a tempo indeterminato disposte ai sensi della normativa vigente

La “chiamata veloce”:

  • È rivolta al personale già inserito nelle graduatorie utili per le immissioni in ruolo (Graduatorie ad Esaurimento e Graduatorie di merito concorsuali) ma in altra Provincia o Regione rispetto a quella di inserimento delle medesime graduatorie;
  • È “aggiuntiva” rispetto alle ordinarie operazioni di assunzione a tempo indeterminato;
  • È utilizzata unicamente per coprire eventuali posti rimasti vacanti.

Sono esclusi dalla procedura i docenti già di ruolo o i docenti che saranno destinatari di proposte di assunzione a tempo indeterminato in ciascun anno scolastico di riferimento nella regione/provincia di inserimento.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur