Immissioni in ruolo: iscrizione in fascia aggiuntiva è volontaria ma assicura l’assunzione. Come funziona

Stampa

Immissioni in ruolo: dalle operazioni del 2020 il 50% dei posti attribuito alle assunzioni da concorsi è destinato anche alla cosiddetta “fascia aggiuntiva”. 

La fascia è aggiuntiva al concorso 2018 (sia infanzia e primaria DDG . 1546 del 7 novembre 2018, sia secondaria DDG n. 85 del 1° febbraio 2018).

In essa possono iscriversi, entro il 17 luglio, i docenti vincitori e idonei del concorso 2016, presenti nelle rispettive graduatorie di merito e negli elenchi aggiuntivi.

Fascia aggiuntiva operazione facoltativa

L’inserimento in fascia aggiuntiva è assolutamente facoltativo.

L’inserimento in fascia aggiuntiva non pregiudica nulla rispetto all’inserimento attuale nella GM 2016 o negli elenchi degli idonei.

Inoltre il Ministero ha chiarito che in caso di rinuncia all’immissione in ruolo, l’aspirante è cancellato esclusivamente dalla fascia
aggiuntiva della relativa graduatoria.

Va intesa come una possibilità in più di assunzione, anche in previsione della scadenza di validità delle graduatorie, problema che interessa da vicino gli idonei.

Ci si può inserire in fascia aggiuntiva, di altra regione o della propria, sostanzialmente per due motivi:

  • velocizzare l’immissione in ruolo
  • mettere un’ipoteca sulla propria assunzione, dal momento che le graduatorie del concorso 2016 hanno una scadenza (validità quinquennale) e l’assunzione ad oggi era garantita solo per i vincitori. Con il meccanismo della fascia aggiuntiva l’assunzione viene garantita anche agli idonei, poiché la fascia aggiuntiva è ad esaurimento. Fino a quando saranno valide le graduatorie del concorso 2016 per gli idonei

Come si svolgeranno le immissioni in ruolo 2020/21

Dal 2020/21 le immissioni in ruolo si svolgeranno in due parti:

  • immissioni in ruolo ordinarie (50% GaE e 50% concorsi, inclusa fascia aggiuntiva al concorso 2018). Le fasce aggiuntive saranno utilizzate annualmente e fino al loro esaurimento.
  • procedura straordinaria per coprire eventuali posti residui con “chiamata veloce”

Immissioni in ruolo docenti secondaria 2020/21: 50% GaE, 50% concorsi. Fascia aggiuntiva e call veloce le novità

Quante regioni si possono scegliere

Il candidato potrà scegliere una regione per ogni classe di concorso o posto di insegnamento o posto di sostegno in cui risulta ancora incluso sulle
graduatorie/elenchi aggiuntivi del concorso 2016.

Il candidato potrà scegliere una regione diversa per ogni classe di
concorso/insegnamento/sostegno di inclusione.

Inoltre potrà decidere di non partecipare alla fascia aggiuntiva per una o più classi di concorso di inclusione.

Per inoltrare la domanda dovrà scegliere la regione per almeno una classe di
concorso/insegnamento/sostegno di inclusione.

La costituzione delle fasce aggiuntive

I candidati sono inseriti, secondo il punteggio conseguito nelle rispettive graduatorie o elenchi aggiuntivi regionali di provenienza, nella fascia aggiuntiva regionale corrispondente alla tipologia di posto, classe di concorso e grado di istruzione per i quali hanno concorso. A parità
di punteggio complessivo si applicano le preferenze dichiarate nell’istanza di partecipazione a suo tempo presentata.

Immissioni in ruolo: docenti concorso 2016 possono iscriversi in fascia aggiuntiva concorso 2018. Domanda scade il 17 luglio [GUIDA e ISTRUZIONI]

Stampa

Black Friday Eurosofia, un’ampia e varia scelta di corsi d’aggiornamento pratici e di qualità con sconti imperdibili