Immissioni in ruolo infanzia e primaria, previsioni su scorrimento concorso 2016

comunicato CONAVINCOS – Facendo seguito alla dichiarazione dell’On. Lucia Azzolina, di voler presentare un’interrogazione al Ministro dell’istruzione Bussetti, relativamente all’utilizzo dei posti resi disponibili da “Quota 100”, il Coordinamento Nazionale Vincitori Concorso Scuola 2016 (CoNaVinCos) comunica la propria approvazione e plaude all’iniziativa promossa.

Ribadendo il principio, secondo cui i vincitori del concorso 2016 vedono riconosciuti, dalle leggi vigenti, dei diritti inviolabili, da cui hanno origine aspettative, del tutto legittime, dell’ approvazione del proprio merito ed essere assunti in ruolo, dopo il superamento di una procedura concorsuale altamente selettiva, dobbiamo, purtroppo, riscontrare un trend molto rallentato, nella procedura delle immissioni in ruolo.

A nulla è valsa la circostanza che, in molte regioni, i vincitori siano stati nettamente inferiori al numero dei posti banditi (vedasi, ad es., la GM 2016 primaria Sicilia)e che aveva fatto ben sperare, in un primo momento, in un veloce svuotamento delle graduatorie. Infatti, la reiterata e costante contrazione del numero degli alunni determina di anno in anno la soppressione di molte classi, con conseguente notevole aumento di docenti soprannumerari; inoltre, la gestione delle ordinanze cautelari emesse dai Tar, a beneficio dei docenti ricorrenti contro gli effetti della mobilità straordinaria, fa sì che ogni anno si registri una attribuzione di posti, che va ad intaccare la percentuale del contingente destinato alle immissioni in ruolo, lasciando intatta quella destinata alla mobilità ed ai passaggi di ruolo.
Alla luce di quanto esposto, non possiamo non denunciare il grande rammarico e le difficoltà, oggettive e soggettive, vissute dai vincitori di concorso 2016, ancora in attesa di ruolo.
A titolo esemplificativo, si riportano i dati relativi alla situazione, ad oggi, del Concorso 2016 infanzia e primaria comune in Sicilia e Puglia.

Alla luce dei dati esposti, si rappresenta una situazione alquanto allarmante, in termini di svuotamento delle suddette graduatorie, nei termini previsti.

Pertanto, riteniamo che l’approvazione della suddetta proposta non possa che essere favorevole ad agevolare lo scorrimento delle graduatorie di merito e di quelle ad esaurimento.

È, quindi, per questo che manifestiamo il nostro supporto all’iniziativa dell’On. Azzolina e chiediamo al Ministro Bussetti di destinare la metà dei posti liberati dall’accoglimento delle domande per Quota 100 al personale docente per nuove immissioni in ruolo a tempo indeterminato, anche successivamente al 1° settembre 2019, attribuendoli prioritariamente al personale precario ex. articolo 399 T.U. 297/1994.

Chiediamo, dunque, di dare priorità ai vincitori ed idonei dei concorsi e al personale precario presente nelle graduatorie ad esaurimento, nel rispetto delle percentuali destinate ad immissioni e mobilità.

Si coglie l’occasione per invitare il MIUR a prestare vigile attenzione alle operazioni agite dai vari USP, nella gestione dell’attribuzione dei posti, al fine di non imbattersi in spiacevoli inconvenienti, che potrebbero inficiare le succitate operazioni.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia