Immissioni in ruolo, GAE infanzia attende giustizia. Lettera

Stampa

Con questa lettera noi docenti precarie della GAE INFANZIA, ad oggi discriminate dal governo e danneggiate dai  sindacati con i migliaia di inserimenti a pettine di ricorsisti ,vogliamo  ringraziare le tante persone che  invece ci appoggiano e ci confortano, colleghi  ma anche  persone al di fuori dell’ambiente scolastico, che hanno compreso e condiviso  le ingiustizie che stiamo vivendo.

Grazie a chi ha  accolto il nostro grido di dolore ribadendo che “la scuola  è in ogni ordine e grado, l’asse portante del futuro di ogni società.Ma è nella scuola dell’infanzia, che si creano i presupposti per diventare buoni studenti,,brave persone, civili cittadini..Non è accettabile, né degno di un paese civile, una scuola dell’infanzia con classi di  27/30 bambini  (di diverse età e con esigenze diverse).

Tagliare fuori da questo sistema le insegnanti della GAE INFANZIA (graduatoria ad esaurimento), vincitrici di concorsi addirittura ante 2000, comporta appunto un duplice danno: la scarsa (ovviamente) attenzione per i bambini, e l’esclusione dal lavoro di insegnanti vincitrici di concorso e che hanno speso una vita intera per la nostra scuola.

Amici miei, genitori e non, sosteniamo questa causa, sosteniamo queste insegnanti sensibilizzando l’opinione pubblica, affinché il governo nazionale e la  politica trovino al più presto una soluzione concreta e definitiva”

Grazie Valerio

Alba Olivieri MOVIMENTO PER LO SVUOTAMENTO GAE INFANZIA

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur