Immissioni in ruolo: docenti concorso 2016 possono iscriversi in fascia aggiuntiva concorso 2018. Domanda scade il 17 luglio [GUIDA e ISTRUZIONI]

Immissioni in ruolo: dall’a.s. 2020/21 la fascia aggiuntiva ai concorsi del 2018 ( D.D. 1546/2018 straordinario per infanzia e primaria e D.D. 85/2018 straordinario per la secondaria) farà parte della procedura ordinaria, quella in cui i posti disponibili sono suddivisi al 50% tra GaE e graduatorie dei concorsi. 

La presentazione della domanda

Da oggi fino al 17 luglio è possibile presentare la domanda di iscrizione. Il manuale di istruzioni

Chi può presentare domanda

I candidati ancora presenti, a pieno titolo o con riserva, nelle graduatorie di merito e negli elenchi aggiuntivi regionali dei concorsi per titoli ed esami di cui ai D.D.G. 105, 106 e 107 del 23 febbraio 2016, per il reclutamento del
personale docente della scuola dell’infanzia e primaria, secondaria di I e II grado nonché per i posti di sostegno.

Quante regioni si possono scegliere

Il candidato potrà scegliere una regione per ogni classe di concorso o posto di insegnamento o posto di sostegno in cui risulta ancora incluso sulle
graduatorie/elenchi aggiuntivi del concorso 2016.

Il candidato potrà scegliere una regione diversa per ogni classe di
concorso/insegnamento/sostegno di inclusione.

Inoltre potrà decidere di non partecipare alla fascia aggiuntiva per una o più classi di concorso di inclusione.

Per inoltrare la domanda dovrà scegliere la regione per almeno una classe di
concorso/insegnamento/sostegno di inclusione.

Nel caso in cui il candidato scelga di non selezionare la regione per una o più
classe di concorso, riceverà il seguente messaggio informativo:

“Avvertenza: una o più delle regioni di nuova inclusione nella fascia aggiuntiva non è stata selezionata.”

Il messaggio non è bloccante e servirà solo a segnalare al candidato che una o più regioni non sono state selezionate.

Come effettuare la scelta della regione

Il Ministero ha invitato gli Uffici Scolastici a pubblicare gli elenchi aggiornati dei concorsi, per verificare la consistenza sia del concorso 2016 che concorso 2018 in ogni regione. Controlla gli elenchi

Inserimento nella fascia aggiuntiva

I candidati sono inseriti, secondo il punteggio conseguito nelle rispettive graduatorie o elenchi aggiuntivi regionali di provenienza, nella fascia aggiuntiva regionale corrispondente alla tipologia di posto, classe di concorso e grado di istruzione per i quali hanno concorso. A parità
di punteggio complessivo si applicano le preferenze dichiarate nell’istanza di partecipazione a suo tempo presentata.

In caso di rinuncia all’immissione in ruolo, l’aspirante è cancellato esclusivamente dalla fascia aggiuntiva della relativa graduatoria.

Scarica il decreto ministeriale (clicca qui)

2 motivi per iscriversi

L’iscrizione alla fascia aggiuntiva è facoltativa. Può essere utile per due motivi

  • velocizzare l’immissione in ruolo
  • mettere un’ipoteca sulla propria assunzione, dal momento che le graduatorie del concorso 2016 hanno una scadenza (validità quinquennale) e l’assunzione ad oggi era garantita solo per i vincitori. Con il meccanismo della fascia aggiuntiva l’assunzione viene garantita anche agli idonei, poiché la fascia aggiuntiva è ad esaurimento. Fino a quando saranno valide le graduatorie del concorso 2016 per gli idonei

Come si svolgeranno le immissioni in ruolo 2020/21

Dal 2020/21 le immissioni in ruolo si svolgeranno in due parti:

  • immissioni in ruolo ordinarie (50% GaE e 50% concorsi, inclusa fascia aggiuntiva al concorso 2018)
  • procedura straordinaria per coprire eventuali posti residui con “chiamata veloce”

Immissioni in ruolo docenti secondaria 2020/21: 50% GaE, 50% concorsi. Fascia aggiuntiva e call veloce le novità

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia