Immissioni in ruolo docenti 2023/24, posti disponibili infanzia e primaria dopo la mobilità. Tabelle per provincia

WhatsApp
Telegram

Dopo le operazioni della mobilità del personale docente anno scolastico 2023/24, chiuse il 24 maggio con la pubblicazione degli esiti, ecco i posti residui utili per le immissioni in ruolo del prossimo anno scolastico per la scuola dell’infanzia e primaria.

Per quanto riguarda la scuola dell’infanzia, su 11.891 domande ne sono state accolte 6.512 (54,8%). Per la scuola primaria, su 26.198 richieste, 14.550 hanno trovato soddisfazione, il 55,5% del totale

Si riporta l’elaborazione della Flc Cgil

Tabulato riassuntivo mob. 202324 – Primaria

Tabulato riassuntivo mob. 202324 – Infanzia

Ed ecco l’elaborazione della Gilda degli insegnanti di Benevento

tabella infanzia e primaria

Come funzioneranno le immissioni in ruolo 2023/24

50% alle GaE e 50% ai concorsi

Le immissioni in ruolo dei docenti nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, così come disciplinate dalla normativa vigente, prevedono una prima distinzione tra:

  • GaE per il 50% dei posti vacanti;
  • Graduatorie di merito per il restante 50% dei posti.

È previsto, poi, che i posti vacanti, non riservati agli iscritti nelle GaE, siano coperti preliminarmente, mediante scorrimento, dai vincitori del concorso ordinario 2016 (per gli idonei, invece, le graduatorie sono decadute in tutte le Regioni).

In secondo luogo, a seguito dell’esaurimento delle graduatorie dei vincitori del concorso ordinario 2016, le immissioni in ruolo avverranno:

  • dalle graduatorie del concorso straordinario 2018 nel limite del 50% dei posti residui, con eventuale fascia aggiuntiva.
  • i vincitori e gli idonei presenti nelle graduatorie del concorso ordinario 2020 (molto numerosi) per il restante 50% e comunque per il residuo dei posti rimasti vacanti a seguito dello scorrimento della graduatoria del concorso straordinario.

Pertanto, dopo aver individuato il contingente regionale spettante al concorso ordinario, il sistema informativo assegnerà agli aspiranti docenti, inseriti nella relativa graduatoria, fino al 50% (arrotondato per eccesso) delle disponibilità di ogni provincia, nel limite del contingente regionale, riservando il restante 50% agli aspiranti inseriti nella graduatoria di cui al DDG 1546/2018 (concorso straordinario 2018).

In ultimo, il personale scolastico potrà essere assunto mediante la cosiddetta call veloce, in base alla quale chi è interessato potrà essere assunto a tempo indeterminato in provincia o Regione diversa da quella di pertinenza delle relative graduatorie (GaE e GM), sui posti che non è stato possibile assegnare da GaE e GM.

Nelle sezioni di scuola dell’infanzia o nelle classi di scuola primaria che attuano le didattiche differenziate può essere nominato solo il personale in possesso del titolo di specializzazione nella specifica metodologia didattica.

Le immissioni in ruolo della scuola primaria, anche se riferite a posti di specialista di lingua inglese, saranno effettuate attingendo dalla graduatoria generale. Pertanto, nel momento in cui l’aspirante docente, immesso in ruolo da GaE, accetterà la nomina, dovrà rilasciare un’apposita dichiarazione relativa al possesso dei requisiti per l’insegnamento della lingua inglese. In caso di dichiarazione negativa, il candidato dovrà partecipare al un corso di formazione per l’insegnamento della lingua inglese.

E per il sostegno?

Dopo l’utilizzo di GaE e concorsi si procederà allo scorrimento delle GPS prima fascia ed elenco aggiuntivo posti sostegno.

La consulenza

E’ possibile inviare un quesito a [email protected] (non è assicurata risposta individuale ma la trattazione di tematiche generali).

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta