Immissioni in ruolo docenti 2023/24, domande con Istanze Online: dall’accesso all’inoltro. Turni di nomina non ancora aperti, monitorare Uffici Scolastici

WhatsApp
Telegram

Le operazioni relative alle immissioni in ruolo a.s. 2023/24 saranno avviate a breve. Presentazione domande tramite Istanze Online: sintesi azioni da svolgere.

C’è una novità, rispetto agli altri anni, l’implementazione del servizio tramite app IO. Con essa si potrà avere la notifica istanze polis di INR docenti; pubblicazione dei risultati; conferma della registrazione della rinuncia diretta (ovvero la nuova modalità di rinuncia a disposizione degli aspiranti tramite link, introdotta da questo anno scolastico).

La compilazione della domanda invece è possibile sempre e solo tramite Istanze online. Gli uffici Scolastici stanno pubblicando degli Avvisi con cui raccomandano agli interessati di controllare le proprie credenziali di accesso, in modo da non avere problemi quando saranno aperti i turni, perché il periodo di tempo sarà limitato.

Piattaforma presente su Istanze online ma turni non ancora aperti

Sulla pagina personale di Istanze online è già presente la piattaforma attraverso la quale saranno gestite le nomine. E’ possibile accedere alla prima schermata ma non è ancora possibile compilare la domanda perchè nessun Ufficio Scolastico ha ancora aperto dei turni. Verranno comunicati tramite avvisi sui siti degli USR.

L’USR Toscana avverte “In considerazione dei ridotti tempi in cui si svolgeranno le convocazioni virtuali, si raccomanda a tutti i candidati di seguire giornalmente il sito internet di questa Direzione Regionale”

Assunzioni a.s. 2023/24

In attesa del decreto di autorizzazione del contingente destinato alle immissioni in ruolo, delle annuali istruzioni operative in merito, nonché degli avvisi di convocazione degli aspiranti da parte gli USR, ricordiamo che anche per l’a.s. 2023/24 le assunzioni si articoleranno in:

  1. immissioni in ruolo ordinarie, che avvengono attingendo per il 50% da GaE e per il 50% da GM. Al termine di tali assunzioni nella provincia/regione di inclusione in GaE e/o GM, si svolge la Call veloce, rientrante anch’essa nella fase ordinaria e consistente nella possibilità di essere assunti in una provincia/regione diversa da quella di inclusione in GaE e/o GM, sui posti rimasti vacanti e disponibili in ciascun anno scolastico dopo le predette ordinarie operazioni;
  2. assunzioni straordinarie da GPS sostegno prima fascia (per il solo a.s. 2023/24), finalizzate la ruolo, qualora residuino posti dalle suddette immissioni in ruolo ordinarie . Approfondisci

N.B. La procedura al momento presente su Istanze on line non riguarda le assunzioni da GPS sostegno prima fascia ed elenco aggiuntivo, per la quale ci sarà un’apposita domanda ancora non pubblicata.

Procedura immissioni in ruolo ordinarie

Le immissioni in ruolo ordinarie si svolgono, come negli anni scorsi, in modalità informatizzata (lo stesso dicasi per le assunzioni straordinarie, sebbene si svolgano nell’ambito della successiva procedura per l’assegnazione delle supplenze) e gli aspiranti inclusi in GaE e GM presentano due distinte istanze (nell’ordine):

  1. domanda “Informatizzazione Nomine In Ruolo – Espressione preferenze provincia-classe di concorso/tipo posto”, per indicare l’ordine preferenziale di province-classe di concorso/tipo di posto [gli aspiranti delle GM scelgono, in ordine di preferenza, le province della regione in cui hanno svolto il concorso, unitamente alla classe di concorso/tipo di posto; gli aspiranti inseriti nelle GaE, invece, non scelgono la provincia, che è quella di inserimento in graduatoria ma soltanto la classe di concorso/tipo di posto (almeno quelli inclusi per più classi di concorso) e anch’essi con tale prima istanza accettano o rinunciano alla proposta di assunzione, come indicato lo scorso anno anche dall’USR Basilicata]
  2. domanda “Informatizzazione Nomine In Ruolo – Espressione preferenze sede”, compilata da chi risulta destinatario di nomina, tramite l’assegnazione della provincia-classe di concorso/tipo di posto, al fine di indicare l’ordine di preferenza delle sedi/scuole disponibili in cui essere assegnato.

Ai fini della presentazione delle domande, i candidati sono convocati con appositi avvisi dagli USR di competenza:

  • per la compilazione della prima domanda, è convocato un numero di candidati superiore ai posti disponibili, in modo da poter sopperire ad eventuali rinunce e quindi nominare per surroga scorrendo le relative graduatorie (al riguardo, ciascun aspirante troverà gli eventuali diversi turni di nomina cui i può partecipare). Pertanto, la convocazione per la presentazione della prima domanda, non vuol dire che si è stati già individuati per il ruolo. Chi non presenta l’istanza, evidenziamolo, sarà trattato d’ufficio, in coda a coloro i quali hanno presentato regolarmente domanda. In sostanza, tali aspiranti avranno assegnata una provincia/posto/classe di concorso d’ufficio;
  • la seconda domanda, per scegliere la sede, è presentata dai soli aspiranti che sono stati individuati quali destinatari di nomina in ruolo. Anche in questo caso, i candidati che non presentano l’istanza saranno trattati d’ufficio

ATTENZIONE

Immissioni in ruolo 2023, cosa vuol dire che “i docenti concorso ordinario scelgono prima dello straordinario”? Vale per la provincia o la scuola

Domande Istanze Online

Ricordiamo sinteticamente i passi da seguire, ai fini della presentazione delle due domande sopra indicate tramite Istanze Online, cui accedere con le credenziali SPID, CIE o eIDAS. Si tratta di informazioni di carattere generale, per cui sono valide sia per l’istanza finalizzata alla scelta delle province/posto/classe di concorso che per quella finalizzata alla scelta delle sedi, sebbene le sezioni da compilare siano naturalmente diverse (alla compilazione delle istanze dedicheremo apposite guide per immagini: una per la prima e un’altra per la seconda domanda). 

Dall’accesso all’inoltro

Questi  le azioni da svolgere per presentare correttamente le domande:

  1. Accedere alla pagina principale delle “Istanze OnLine” (home page pubblica del Servizio con le proprie credenziali).
  2. Compilare la domanda.
  3. Aggiornare, se necessario, i dati precedentemente inseriti (utilizzando la funzione “Modifica”).
  4. Inserire, se necessario, i documenti da allegare contestualmente alla domanda.
  5. Inoltrare la domanda (utilizzando la funzione “Inoltra”). L’inoltro dovrà avvenire entro la data indicata come termine ultimo per la presentazione delle domande, da parte dell’USR/USP di competenza. Al momento dell’inoltro, il sistema creerà un documento in formato “PDF”, che verrà inserito nella sezione “Archivio” presente sulla home page, contenente il modulo domanda compilato.

Percentuali posti e ordine scorrimento graduatorie concorsuali

Il numero maggiore di posti andrà alle graduatorie dei concorsi. Ecco perché

Si evidenzia che:

  • il processo di compilazione della domanda è tracciato tramite il salvataggio di ciascuna sezione, ma deve essere finalizzato con l’inoltro della domanda;
  • in caso di domande inserite a sistema ma non inoltrate entro i previsti termini, le stesse non sono considerate valide.

Verifica correttezza inoltro

Una volta inoltrata l’istanza, al fine di verificare la correttezza dell’invio, l’aspirante può svolgere le operazioni seguenti:

  1. Verificare la ricezione di una email contenente la conferma dell’inoltro e la domanda in formato PDF.
  2. Verificare che accedendo in visualizzazione sull’istanza, la stessa si trovi nello stato “Inoltrata”.
  3. Accedere alla sezione “Archivio” presente sulla homepage personale di Istanze online e verificare che il modulo domanda contenga tutte le informazioni.

Annullo inoltro e modifica dati

Dopo l’inoltro della domanda, qualora l’aspirante si accorga di qualche errore (o voglia modificare qualche dato inserito) e si è ancora all’interno della prevista finestra temporale di presentazione dell’istanza, lo stesso può procedere alla modifica della medesima e alla correzione degli errori, previo annullamento dell’inoltro. In tal caso, dunque, l’aspirante deve:

  • Annullare l’inoltro della domanda;
  • Apportare le modifiche necessarie, al fine di correggere gli eventuali errori oppure per modificare eventuali preferenze;
  • Procedere con un nuovo inoltro.

Quanto detto, ribadiamolo, se si è ancora in tempo per inoltrare l’istanza, viceversa non si può procedere a nessun annullamento e nuovo inoltro della domanda.

Rinuncia al ruolo

Il personale convocato ma non interessato a partecipare alla procedura di immissione in ruolo per le classi di concorso nelle cui graduatorie risulta inserito, può formulare la rinuncia a detta immissione all’interno della stessa procedura informatizzata al fine di evitare che l’Amministrazione debba procedere ad una nomina d’ufficio.

Anche nell’App IO vi è un link diretto, che permette di comunicare direttamente la rinuncia.

Questo inevitabilmente pregiudicherebbe gli interessi di altri candidati cui verrebbe sottratta la disponibilità del posto.

La consulenza

E’ possibile inviare un quesito a [email protected] (non è assicurata risposta individuale ma la trattazione di tematiche generali).

Vincoli, nuova assunzione e art. 36. Risposte ai QUESITI

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno IX ciclo. Corso online per il superamento della prova scritta e orale: promozione Eurosofia a soli 70€