Immissioni in ruolo docenti 2021, Ministero suddividerà il contingente per classe di concorso e provincia. Chi sarà assunto

Stampa
insegnante

Immissioni in ruolo docenti anno scolastico 2021/22: grande euforia per l’autorizzazione da parte del MEF di un contingente così alto. L’obiettivo è quello di assumere 112. 473 insegnanti, attraverso una procedura che à già iniziata con la fase 1 scelta provincia/classe di concorso su Istanze online e proseguirà fino alle assunzioni da GPS prima fascia nonché con l’assunzione dei docenti vincitori del concorso STEM, ma che proseguirà nell’anno scolastico 2022/23 con i vincitori del nuovo concorso straordinario.

112.473 posti: saranno coperti in due anni

I 112.473 posti autorizzati dal MEF corrispondono alla quasi totalità dei posti vuoti dopo la mobilità dei docenti di ruolo per l’anno scolastico 2021/22: 112.691 posti, di cui 81.940 comuni e 30.751 di sostegno.

Di conseguenza, poiché il numero dei posti autorizzati non corrisponde totalmente al numero dei posti vacanti, è ancora difficile fare una previsione sulle assunzioni dalle posizioni più basse delle graduatorie.

Inevitabilmente infatti, rispetto ai dati diffusi dopo la mobilità, ci sarà qualche modifica.

Inoltre, il docente interessato all’immissione in ruolo, deve tener conto non solo della propria posizione in graduatoria, ma anche dell’eventuale presenza di docenti in possesso di riserva per le assunzioni, che potrebbero essere assunti con precedenza anche con punteggio inferiore al proprio. Immissioni in ruolo a.s. 2021/22: alcuni posti andranno a docenti con diritto alla riserva, indipendentemente dal punteggio

Inoltre bisognerà considerare se ci saranno recuperi e compensazioni da effettuare vedi scheda sindacato UIL 

Il numero certo delle assunzioni in ruolo sarà determinato dal Ministero che nei prossimi giorni trasmetterà un apposito file agli Uffici Scolastici.

In ogni caso non ci saranno “posti persi”. Anche i posti che non sarà possibile attribuire ai concorsi ordinari ancora non svolti verranno solo individuati perchè si effettui il recupero negli anni successivi ma in ogni caso potranno essere assegnati per i ruoli. Immissioni in ruolo 2021, docenti da GPS assunti anche sui posti dei concorsi ordinari. Saranno recuperati negli anni successivi

Sui posti eventualmente vacanti il nuovo concorso straordinario

Come già detto, i 112.473 posti sono “congelati” per i docenti precari. Pertanto se non sarà possibile attribuirli tutti con le procedure di immissioni in ruolo per l’anno scolastico 2021/22 si darà seguito a quanto previsto nel Decreto Sostegni bis, ossia un nuovo concorso straordinario per docenti con almeno tre anni di servizio nella scuola statale negli ultimi cinque, di cui uno specifico.

In questo modo verrà assicurato che tutti i posti autorizzati dal MEF potranno essere destinati ai docenti precari.

Stampa

Eurosofia: TFA SOSTEGNO VI CICLO, cosa studiare? Oggi alle 16.00 ne parliamo con gli esperti