Immissioni in ruolo, diverse procedure tra GM, GaE e GI: quale sarà l’ordine di priorità?

WhatsApp
Telegram

Le procedure di immissione in ruolo per i docenti precari, definite dalla fase transitoria contenuta nel decreto sul nuovo sistema di formazione e reclutamento del personale docente della scuola secondaria di I e II grado, sono diversificate per i docenti delle GaE, per gli abilitati e per i non abilitati con 3 anni di servizio.

Ricordiamo che:

  1. i docenti delle GaE e delle GM 2016 non devono partecipare a nessuna procedura concorsuale ma saranno assunti dalle rispettive graduatorie secondo le modalità di seguito indicate;
  2. i docenti abilitati sono inseriti, sulla base dei titoli e di un colloquio non selettivo, in una graduatoria regionale di merito ad esaurimento e poi ammessi al percorso FIT che li condurrà all’assunzione a tempo indeterminato;
  3. i docenti non abilitati con 3 anni di servizio partecipano ad un concorso riservato, consistente in una sola prova scritta e una orale, e poi ammessi al percorso FIT che li condurrà all’assunzione a tempo indeterminato.

Quali docenti verranno assunti per primi? Qual è l’ordine di priorità di assunzione?

I docenti delle GaE e delle GM 2016 saranno i primi ad essere assunti e  poi a seguire i docenti abilitati inseriti nelle GM ad esaurimento e i docenti non abilitati con 3 anni di servizio. Vediamo perché.

Nel decreto leggiamo che ai docenti delle GaE è destinato annualmente, sino al loro esaurimento, il 50% dei posti vacanti e disponibili, per cui la priorità di detti docenti non è in discussione e opera sulla metà dei posti autorizzati ogni anno per le immissioni. All’avvenuto esaurimento per ciascuna provincia, i posti destinati alle GaE si aggiungono a quelli disponibili per le altre procedure.

Il restante 50% dei posti vacanti e disponibili è destinato: ai docenti inseriti nelle GM 2016 compresi gli idonei oltre il 10%; ai docenti di cui al punto 2 (abilitati); ai docenti di cui al punto 3 (non abilitati con 36 mesi di servizio).

La priorità di assunzione dei docenti delle GM 2016, rispetto agli abilitati e ai non abilitati con 3 anni di servizio, è indicata, oltre che dall’ordine  in cui le procedure sono riportate nel testo del decreto, nel paragrafo dedicato all’assunzione dei docenti abilitati, in cui leggiamo (articolo 17, comma 2, lettera b):

“concorso bandito, in ciascuna regione, ai sensi del comma 3, al quale, al netto dei posti utilizzati per la procedura di cui alla lettera a), è destinato il 100% dei posti di cui all’alinea per gli anni scolastici 2018/2019 e 2019/2020, nonché l’80% per gli anni scolastici 2020/2021 e 2021/2022, il 60% per gli anni 2022/2023 e 2023/2024, il 40% per gli anni 2024/2025 e 2025/2026, il 30% per gli anni 2026/2027 e 2027/2028 e il 20% per i bienni successivi, sino a integrale scorrimento di ciascuna graduatoria di merito regionale.”

Il concorso bandito ai sensi del comma 3 riguarda gli abilitati e ad esso, dunque, sono destinate le percentuali di posti vacanti e disponibili sopra riportate al netto dei posti utilizzati per la procedura di cui alla lettera a), relativa ai docenti delle GM 2016.  L’espressione “al netto dei posti utilizzati …” , chiarisce che prima vanno assunti, sempre sul 50% di posti vacanti e disponibili (l’altro 50%, come suddetto, è destinato alle GaE),  i docenti vincitori (compresi gli idonei oltre il 10%) del concorso 2016.

La priorità, invece, dei docenti abilitati rispetto a quelli non abilitati con 3 anni di servizio è indicata nel paragrafo dedicato all’assunzione dei docenti non abilitati, in cui leggiamo (articolo 17, comma 2, lettera c): “concorsi banditi ai sensi del comma 7, ai quali, al netto dei posti utilizzati per le procedure di cui alle lettere a) e b), sono destinati il 100% dei posti di cui all’alinea per l’anno scolastico 2020/2021, il 60% per l’anno scolastico 2021/2022, il 50% per gli anni scolastici 2022/2023 e 2023/2024, il 40% per gli anni scolastici 2024/2025 e 2025/2026, il 30% per gli anni scolastici 2026/2027 e 2027/2028 e il 20% per i bienni successivi.”

Il concorso bandito ai sensi del comma 7 riguarda i non abilitati con 3 anni di servizio e ad esso, dunque, sono destinate le percentuali di posti vacanti e disponibili sopra riportate, al netto dei posti utilizzati per la procedura di cui alla lettera a) e b), relative ai docenti delle GM 2016 e agli abilitati. Anche in questo caso, l’espressione “al netto dei posti utilizzati …” chiarisce che prima vanno assunti i docenti delle GM 2016, poi gli abilitati e poi i non abilitati.

In sintesi, ai docenti delle GaE è destinato il 50% dei posti vacanti e disponibili sino al loro esaurimento; per gli altri docenti interessati le assunzioni avverranno secondo il seguente ordine:

1) docenti inseriti nelle GM 2016;

2) docenti abilitati inseriti nelle GM regionali ad esaurimento (che devono essere costituite con la summenzionata procedura da bandire entro febbraio 2018);

3) docenti non abilitati con 3 anni di servizio (la cui prima procedura concorsuale deve essere bandita entro il 2018).

Scarica il testo del Decreto approvato dal Governo

Tutto sulle riforme

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur