Immissioni in ruolo, da infanzia a scuola superiore, tutti i posti disponibili dopo la mobilità

WhatsApp
Telegram

Ecco un riepilogo sulle immissioni in ruolo previste dopo l’esito dei movimenti della mobilità. Comincia a comporsi il puzzle dei posti liberi per le operazioni successive. 

In totale sono 84.000 i posti disponibili, così distribuiti

  • Infanzia 5.609
  • Primaria 18,431
  • Secondaria I grado 29.136
  • Secondaria II grado 31.974

Posti liberi primaria

Posti liberi infanzia

Posti liberi scuola media

Posti liberi scuola superiore

Assunzioni: 50% Gae, 50% concorsi

La procedura consueta di assunzione in ruolo è:

• 50% GaE (graduatorie ad esaurimento);
• 50% ai concorsi 2016 e 2018 (graduatorie di merito con vincitori e idonei).

Il Decreto Legge 126/2019 convertito con modificazioni nella legge n. 159 2019 ha prorogato di un ulteriore anno la graduatoria di merito del concorso docenti 2016 (validità quinquennale 2016-2021); ciò significa che:

• Il 50% dei posti riservati alle graduatorie concorsuali di merito spetterà ai vincitori e idonei del concorso 2016.

Nel caso in cui fossero a disposizione più posti vacanti rispetto al numero complessivo degli aspiranti docenti inclusi nella graduatoria 2016, si procede in tal modo:

• Per gli aa.ss. 2020/21 e 2021/22: l’80% al concorso 2018 e il 20% ai concorsi successivi al 2018 (sempre in riferimento al 50% dei posti destinati a concorso)

La legge stabilisce che nel caso in cui risultino avviate, ma non concluse, procedure concorsuali, i posti messi a concorso sono in parte accantonati e resi indisponibili per immissioni in ruolo.

Il 20% ai concorsi successivi di cui poco sopra si riferisce ai concorsi straordinario ed ordinario; la quota di tali procedure concorsuali non potrà però essere coperta perché non sono state ancora espletate.

Supplenze, tre possibilità per entrare in classe

Possono essere

  • fino al 31 agosto
  • fino al 30 giugno
  • temporanee (max ultimo giorno di lezione)

Per l’attribuzione delle supplenze fino al 31 agosto e 30 giugno si utilizzano le GaE (Graduatorie ad esaurimento).

Per i posti residui dalle GaE sarà possibile attingere dalle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS).

Graduatorie d’istituto, rimarranno e saranno competenza delle scuole

Saranno ancora costituite da prima, seconda e terza fascia e rimangono di competenza dei Dirigenti Scolastici, che le utilizza per il conferimento delle supplenze temporanee (max ultimo giorno di lezione).

Come funzionano le nuove graduatorie

Le GPS saranno distinte in prima e seconda fascia.

La prima per i docenti in possesso del titolo di abilitazione (riguarda quindi anche i docenti attualmente iscritti nella prima fascia di istituto)

La seconda per i docenti in possesso

  • del titolo di studio + 24 CFU oppure
  • precedente inserimento del triennio 2017/20
  • oppure abilitazione per altra classe di concorso o grado di scuola.

Saranno utilizzate per l’attribuzione delle supplenze al 31 agosto o 30 giugno, residue dopo lo scorrimento delle graduatorie ad esaurimento.

Quanto tempo per presentare la domanda

Secondo le ultime indiscrezioni sarebbero 15 i giorni per presentare la domanda, un tempotroppo ristretto in considerazione dell’importanza della procedura che interesserà anche aspiranti che si avvicinano per la prima volta al mondo dell’insegnamento.

La procedura sarà informatica e comporterà per tutti gli aspiranti la produzione, ex novo, dei titoli (anche di quelli già dichiarati nel precedente aggiornamento 2017/20).

Le tabelle di valutazione dei titoli sono state infatti modificate e i titoli saranno rivalutati per tutti gli aspiranti.

Graduatorie provinciali, NUOVA BOZZA: ecco le novità. Titoli di accesso e valutazione servizio [Report]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur