Immissioni in ruolo da concorso ordinario 2020, idonei entrano in graduatoria di merito. Saranno tutti assunti?

WhatsApp
Telegram

Il DL n. 36/2022, convertito in legge n. 79/2022, ha introdotto delle novità riguardanti anche le graduatorie di merito dei concorsi ordinari per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Già il Decreto Tagliaprezzi aveva inserito la stessa novità per il concorso 2020 infanzia e primaria. Inserimento idonei: saranno tutti assunti?

Graduatorie di merito regionali

I concorsi ordinari per la scuola secondaria sono disciplinati dal D.lgs. n. 59/2017, come modificato dal DL n. 73/2021, convertito in legge n. 106/2021, e dal DL n. 36/2022, convertito in legge n. 79/2022. Quest’ultima, recante misure urgenti per l’attuazione del PNRR, ha riformato il sistema di formazione iniziale e accesso al ruolo del personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado.

La suddetta legge 79/2022 ha modificato, inoltre, la costituzione delle graduatorie di merito concorsuali, novellando quanto disposto dal DL n. 73/2021, in base al quale le predette graduatorie comprendono i soli vincitori, ossia coloro i quali rientrano nel novero dei posti messi a bando.

L’articolo 47, comma 11, della succitata legge n. 79/2022, invece, così dispone:

Le graduatorie di cui all’articolo 59, comma 10, lettera d) , e comma 15, lettera c), del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106, sono integrate, nel limite delle autorizzazioni di spesa previste a legislazione vigente e nel rispetto del regime autorizzatorio di cui all’articolo 39, commi 3 e 3 -bis , della legge 27 dicembre 1997, n. 449, con i candidati risultati idonei per avere raggiunto o superato il punteggio minimo previsto dal comma 15 del medesimo  articolo 59 del decreto-legge n. 73 del 2021».

Dunque, alla luce della nuova disposizione le graduatorie di merito dei concorsi per la  scuola secondaria, ivi compreso il concorso ordinario 2020, sono integrate con i candidati idonei, ossia con coloro i quali hanno superato tutte le prove d’esame (conseguendo il punteggio minimo previsto, ossia 70/100 allo scritto e 70/100 all’orale o tra prova pratica e orale).

A questo proposito facciamo notare che gli Uffici Scolastici si stanno comportando in maniera difforme. Alcuni infatti hanno interpretato il “sono integrate” della Legge come la pubblicazione di un unico elenco con i relativi punteggi. Altri invece hanno continuato a pubblicare la graduatoria di merito + elenco non graduato dei candidati idonei.

Assunzione

Vincitori

I vincitori di concorso conservano il diritto all’assunzione, anche in caso di incapienza di posti disponibili, ossia di un numero di posti insufficienti, come si legge nell’articolo 59, comma 13, del succitato DL 73/2021:

13. Le immissioni in ruolo dei vincitori, nel limite previsto dal bando di concorso per la specifica regione, classe di concorso o tipologia di posto, in caso di incapienza dei posti destinati annualmente alle assunzioni, possono essere disposte anche negli anni scolastici successivi, sino all’esaurimento della graduatoria di cui al comma 10, lettera d), nel limite delle facoltà assunzionali disponibili a legislazione vigente per i concorsi ordinari

Per i vincitori di concorso, dunque, le graduatorie sono ad esaurimento, in quanto dovranno essere tutti immessi in ruolo. Il punteggio acquisito con prove + titoli ha determinato il diritto all’immissione in ruolo. Entro quando non è dato ancora sapere, dipende da classe di concorso e regione (dipende se ci sono graduatorie di precedenti concorsi ancora da scorrere).

Idonei

E gli idonei che entrano a far parte della graduatoria di merito? Saranno assunti solo in caso di scorrimento (per rinuncia), evitando così che si “sprechino” dei posti, oppure la GM sarà anche per loro ad esaurimento, per cui dovranno essere tutti assunti?

Premettiamo, come sopra riportato, che per i vincitori la nuova disciplina prevede espressamente il diritto all’assunzione (come già in precedenza disponeva l’articolo 3 del D.lgs. 59/2017, come modificato dall’articolo 1, comma 792, della legge n. 145/2018), mentre la disposizione, di cui all’articolo 47, comma 11, della legge n. 79/2022, prevede solo l’integrazione delle GM.  Pertanto, riteniamo che gli idonei (stando alla normativa vigente) non conservino il diritto all’assunzione e che il loro inserimento sia finalizzato alla copertura dei posti eventualmente rimasti liberi in caso di rinuncia dei vincitori.

D’altra parte, considerata la portata in termini economici di un provvedimento del genere (ossia di assunzione di tutti gli idonei), lo stesso non poteva che essere chiaramente espresso nella disposizione legislativa (mentre attualmente non lo è), anche perché ciò significherebbe comunque un aumento dei posti messi a concorso (nel caso del concorso ordinario 2020 sono stati banditi 33.000 posti, aggiungendo gli idonei i posti dovrebbero per forza di cose aumentare, anche in caso di rinunce). Al contrario nell’articolo 47/11 sopra riportato leggiamo: Le graduatoriesono integrate, nel limite delle autorizzazioni di spesa previste a legislazione vigente …  Quest’espressione “nel limite delle autorizzazioni di spesa previste a legislazione vigente … ” sembrerebbe confermare quanto detto, ossia che i posti restano quelli banditi, senza alcun aumento.

Evidenziamo che, come risulta alla nostra redazione, alcuni interessati ritengono, al contrario di quanto detto, che le graduatorie diventino ad esaurimento, al fine di assumere tutti coloro i quali ve ne fanno parte (idonei compresi).

Sarà il Ministero a chiarire questo aspetto.

Si attende infatti la convocazione dei sindacati per le istruzioni operative delle immissioni in ruolo anno scolastico 2022/23, l’Allegato A

Immissioni in ruolo docenti 2022: avvisi USR per scelta provincia/classe di concorso. A breve le domande

WhatsApp
Telegram

Adempimenti dei Dirigenti scolastici per l’avvio del nuovo anno scolastico: scarica o acquista il nuovo numero della rivista per Dirigenti, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff