Immissioni in ruolo con call veloce: docenti segnalano differenze tra posti comunicati dagli USR e dati piattaforma

WhatsApp
Telegram

Immissioni in ruolo con call veloce: dopo due interi giorni in cui numerosi docenti hanno lamentato continui malfunzionamenti la piattaforma riprende a funzionare. Ma i docenti segnalano un’altra anomalia.

Ne avevamo già parlato a proposito della chiamata veloce per i posti comuni di infanzia e primaria: anche se negli elenchi degli USR sembrano non esserci posti (in ogni caso i dati erano ancora parziali) gli stessi docenti ci hanno segnalato la possibilità di presentare la domanda in piattaforma.

Un’altra segnalazione ci arriva oggi ” Dopo tre giorni di malfunzionamenti su Istanze Online, piattaforma che finalmente è stata sbloccata da qualche ora, scopro con stupore che per la mia classe di concorso – ma ho avuto conferma da altri colleghi che succede con altre materie – che gli unici dati che coincidono con gli UUSSRR e la piattaforma sono quelli relativi alla Calabria.  

La domanda è: devo fidarmi oppure no? A cosa devo credere? Alla piattaforma o agli UUSSRR? 

Faccio un esempio per intenderci: se la Campania per la mia classe di concorso comunica zero posti disponibili e poi trovo fra le possibili provincie dove inoltrare domanda un posto a ***, su quale dato mi devo basare? Chi sta comunicando il dato giusto? “

Ci auguriamo che almeno su questo punto possa essere fornito un chiarimento.

In ogni caso raccomandiamo ai docenti interessati di accedere alla procedura su IStanze online per verificare eventuale disponibilità di posti per la classe di concorso di interesse.

N.B. L’articolo è frutto di alcune segnalazioni giunte in redazione. Non potendo controllare le singole situazioni, ci auguriamo che si tratti di casi isolati, per i quali gli USR e i sindacati locali siano in grado di fornire tempestive risposte.

Guida alla compilazione della domanda

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario infanzia e primaria incontri Zoom di supporto al superamento della prova scritta. Affidati ad Eurosofia