Immissioni in ruolo, circa 65mila le stabilizzazioni autorizzate. Si attende il via libera del MEF

Stampa

Tutto pronto o quasi per le operazioni di immissioni in ruolo. Quello che manca, in realtà, è l’aspetto più importante: il numero di docenti da stabilizzare per il prossimo anno scolastico. A fronte di oltre 112mila cattedre, non si ha la certezza di quante saranno coperte.

Mercoledì, nel corso della presentazione dei dati delle prove Invalsi, il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, ha parlato di 70mila stabilizzazioni da realizzare.

Su Italia Oggi, invece, il numero è leggermente più basso: oltre 64mila. Si tratta, comunque, di appena la metà dei posti vacanti disponibili.

Le immissioni in ruolo saranno effettuate garantendo la ripartizione dei posti secondo il consueto criterio duale previsto dall’articolo 399 del testo unico: il 50% delle disponibilità agli aventi titolo tratti dalle graduatorie dei concorsi e il rimanente 50% agli aventi diritto individuati tramite lo scorrimento delle graduatorie a esaurimento. Come già segnalato dalla nostra redazione, le operazioni saranno completamente informatizzate.

SCARICA PDF Immissioni in ruolo 2021/22

Tutto sulle immissioni in ruolo

Immissioni in ruolo docenti 2021, la guida completa: ordine graduatorie, posti accantonati, scelta provincia e scuola

Immissioni in ruolo infanzia e primaria 2021: da GaE e concorsi 2016 e 2018. Se residuano posti si passa alle GPS

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur